E' attiva da oltre tre anni a Sinnai presso la sede dell'Avis in via San Nicolò, la raccolta dei tappi di plastica.

La raccolta dei tappi di plastica, che già a Sinnai veniva fatta da diversi gruppi di persone che poi portavano i tappi ad altre associazioni, si è sempre più ramificata, giungendo finalmente all'Associazione Comunale Avis Sinnai. Vi chiederete perchè proprio i tappi? che valore hanno?
I tappi sono fatti di un materiale particolare (polietilene - Pe) diverso da quello delle comuni bottiglie. Normalmente nelle operazioni di riciclaggio gli impianti non separano i tappi dalle rispettive bottiglie ma li fondono insieme. Così facendo si finisce per produrre un maggiore inquinamento. Bisogna poi sapere che anche l’utilizzo dei materiali è diverso: le bottiglie vengono utilizzate per produrre “tessuti non tessuti”, come il pile (ottenuto combinando plastica e lana), mentre i tappi riciclati sono adatti a produrre vasi per i fiori, cassette per la frutta, sedie da giardino ecc..
I tappi di plastica raccolti separatamente hanno, quindi, un loro valore specifico. Inoltre la raccolta differenziata contribuisce a ridurre l’inquinamento ambientale. Oggetto della raccolta sono tutti i tappi di plastica. Non solo quelli delle bottiglie, ma anche quelli dei detersivi, dei barattoli (ad esempio la Nutella), i contenitori dei rullini fotografici o gli ovetti Kinder. Tutti possono raccogliere i tappi di plastica: dai bambini agli anziani, dai gestori di bar e ristoranti ai lavoratori presso le mense aziendali o nelle loro famiglie.
L'AVIS di Sinnai poi avrà modo modo di riciclarli seriamente, e di monetizzarli vendendoli ad una ditta specializzata per acquistare, con il ricavato, presidi sanitari per disabili e per la popolazione che ne avesse bisogno. E' possibile portare i tappi nella sede comunale dell'Avis in Via San Nicolò 4 a Sinnai, nei giorni di mercoledì e sabato, dalle ore 17.30 alle 19.30

Su Facebook c'è una pagina che aggiorna i Sardi su tutte le offerte di lavoro nell'isola si chiama OFFERTE DI LAVORO IN SARDEGNA!

Le offerte vengono estratte dal sito Sardalavoro.it il portale dedicato alle offerte di lavoro in Sardegna

Il sito offre la possibilità di visualizzare tutte le offerte di lavoro in Sardegna ed è categorizzato in base al luogo di provenienza dell'annuncio.

Si può anche inserire un annuncio gratuitamente scrivendo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardalavoro.it il punto di riferimento per chi cerca lavoro in Sardegna.

Po cali scopu signora* / As costituiu s’amori / cun dus ominis suspettus / Funt cosa chi no staint / A su mancu fessint bonus / Ca cun Sarbodoricu Serra / Ddis emus a nai coru miu / Ma faint tropu disfortuna. / Rima / De certus donus chi faint onori / Oi biu una terra possessora.

La foto che vedete risale al '800 e ritrae (l'uomo sulla destra con la pipa) uno dei più grandi poeti del campidano: Raffaele Murgia noto Allicu 'e Seui. Nato a Sinnai nel 1851 Allicu è stato uno dei più grandi poeti improvvisatori "Cantadoris" del periodo a cavallo tra l'800 e il 900. Si è spento a Cagliari nel 1917 ma il suo ricordo rimane ancora vivo. Per non dimenticare questo grande artista, proponiamo un articolo in lingua Sarda scritto da Giovanni Cadeddu per il periodico "Questa Sinnai" nel 1995.

Po Regordai Alliccu Seui - Raffieli Murgia - 

"E' Nasciu in Sinnai su 1851, Fillu de Giuanni  Murgia e de Arrita Origa. Giuanni Murgia puru, fiat nasciu in Sinnia, de babbu seulesu e po cussu is sinniesus ddi naranta Giuanni de Seulu. Comenti siant arribaus in Sinnia e in is ateras biddas a ddu zerriai cun su nomini de Seui est facili a du cumprendiri su passaggiu: Seulo est diventau Seui, forzis poitta fiat prus facili e sonat mellus sa pronunzia. Su babbu Giuanni de Seulo, dd'hiat mandau a iscola e fiat arrenesciu a fai sa terza elementari: a i cussu tempus fiat una grandu sorti arribai a fai tres annus de scola e poi sa terza elementari de inzandu, baliat prus de sa terza media di hoi. Issu cun custu piticu studiu fiat lompiu a si fai una certa cultura chi ddi permittiat de si esprimiri cun d'una nodia eleganzia e genitlesa. Fiat unu segnori, Si scidi chi fiat un "autodidatta" poitta segundu cantu riferiat sa genti de su tempus suu em spezialmenti cantu demostrant is operas suas, issu fiat meda eleganti e dilicau. S'impleu suu, fiat s'arti de su sabateri chi hiat imparau de pitica edadi e po totu da vida dd'hat sighiu e de cussu traballu, har pesau sa familia chi fiat bastanti manna. Si fiat sposau duas bortas, sa primu mulleri si narada Bellanna Cinus de Fluminimaggiori. De cussa coja, fiat nasciu unu fillu: Giuannicu. Sa segundu melleri fiat sinniesa, netta de su famosu Sarbadoricu Serra e di naranta Mariannica Serra e de issa, hiat tentu ottu fillus: cincu mascus e tres feminas. Antonicu, Lazzarinu, Petrinu, Lillucu, Guglielmu, Battistina, Virginia e Giulia. Su fillu piticu Giuglielmu est diventau preziau maistu de musica e nodiu direttori de banda e de corus. In Sinnia hat lassau grandu fama de poeta e cantadori de talentu, ancora hoi est regordau e portau a nomini po s'estru aici nodiu, chi issu hat coltivau in totu su cursu de sa vida sua. Fiat maistu acclamau e venerau, no solu de is appassionaus, ma ancora de is aterus cantadoris, tanti chi medas si onoranta de cantai cun issu e, prus che totu, de ddu tenni coment' e maistu. A su donu de cantadori geniali si accumpangiada s'eleganzia e sa megestadi de sa persona sua, cun sa grazia e i s'armonia de sa boxi sonora, chi arricchiat su cantu suu e ddu rendiat aici attraenti chi sa genti, piticus e mannus, curriat cun gosu e prexeri po ddu intendi no si arrosciat de ddu ascultai. Teniat una boxi baritonali e candu agatada sa cuncordia giusta, fiat propriu una delizia a dd'intendi. Cicitu Farci de Casteddu si gloriada de d'essiri tentu a maistu e candu ddu regordada si cummoviat e ddu nomenada cun venerazioni. Efisinu Loni puru ddu riconosciat poeta e cantadori mannu cummenti Felicinu Pisu de Settimu. Aterus chi dd'hant sempiri ammirau e sighiu funti: Francischinu Lai, Sitzia, Muddia, Murru, Marini, Cambarau, Liga, Maxia Luiginu, Serra Arrulareddu, Piras pasquali, Battista Dessì, Caredda e Vitali Murgia, Ceserinu Coccu, e naturalmenti cus is prus antigus, hat accuttu a cantai cun is Pillais, Sarbadori Serra e Pilleri. Fiat allievu de Sarbadori Serra de Sinnia, de issu fiar puru nebodi de parti de sa segundu mulleri chi ddi naranta Marianicca Serra. In su 1883 a Quartu, hiat improvvisau custu mutettu, a sa fini de sa carriera sua, essendi giai avanzau in is annus, donendi sa consigna a su giovunu Alliccu Murgia: Rima: Tui Murgia, atura a su postu miu / Ca deu na pensu prus de dd'occupai / Allicu sustenni s'imperu miu / cumenti dd'hapu sustenniu deu. De Candu fiat su principiu de sa carriera sua, hiat issu demostrau cantu fessit de appreziai su stili e i sa poesia chi cun tantu vernia issu renesciat a improvvisai. Cumponiat e cantada cun grandu prexieri e gosu de is ascultantis. Parit chi habiat cumpostu prus de centu canzonis. E is mutettus no si contat: si creit chi ndappat improvvisau prus de cinquantamila muttetus. Hat icumenzau a cantai de candu teniat sex' annus. Fiat brillanti candu cantada e amada prus che aturu sa lirica, ma in certas circustanzias, usat puru sa satira. Totu su patrimoniu de is operas suas s'est perdiu, sunti aturadas pagus canzonis e is metettus de is garas chi sunti stadas stampadas. 

Il testo è stato estratto dalla redazione facendo riferimento alla relazione dell'autore al convegno de "Su bentu Estu" del 15 dicembre 1995 a Sinnai.

Migranti, profughi e rifugiati: le accoglienze possibili

Domani mercoledì 15 marzo 2017, dalle ore 17,30, presso la Sala Consiliare del Comune di Sinnai, si terrà l'incontro pubblico DERIVE e APPRODI, migranti, profughi e rifugiati: le accoglienze possibili, organizzato dall’Associazione Madiba Sinnai, con la collaborazione del Comune di Sinnai e le associazioni ASCE e Ardesia.

L'incontro, moderato dal giornalista Mauro Manunza, prevede gli interventi di:

Angela Quaquero delegata del Presidente della Regione per i problemi dell’immigrazione
Stella Deiana Progetto SPRAR "Accoglienza metropolitana”
Valeria Stera GUS -Gruppo Umana Solidarietà 'Guido Puletti' Onlus - Emergenza Cagliari
Marcello Oggianu Vice Prefetto dirigente area Diritti civili
M. Esabetta Cogotti (USR) funzionaria Ufficio Scolastico regionale della Sardegna
Fabio Cruccu Refugees Welcome Italia Onlus Cagliari
Maria Glirazia Krawczyk Presidio Piazzale Trento, Cagliari
Kilap Gueye Associazione Sunugaal Cagliari
Salvatore Drago Sportello segretariato sociale, Cagliari
Antonello Mulleri Alfabeto del Mondo Onlus

Claudio Ribelli di Sinnai protagonista della puntata di ieri sera (sabato 11 marzo) della trasmissione "Sono Innocente" andata in onda su Rai3, condotto dal giornalista Alberto Matano. Il dramma e il riscatto di uomini e donne accusati ingiustamente, le storie di persone che da una vita normale e tranquilla si trovano catapultate in un vero e proprio incubo, la realtà cruda e difficile del carcere. Sei mesi in carcere più altri sei ai domiciliari: un anno di detenzione per un reato mai commesso. È la storia dell’operaio Claudio Ribelli, di Sinnai (Cagliari), accusato di aver rapinato una donna puntando il coltello alla gola del suo bambino. Dopo alcune incertezze iniziali, la donna lo aveva indicato come esecutore della rapina. “Prima dell’arresto avevo supplicato le forze dell’ordine di confrontare le mie impronte digitali con quelle trovate sul posto. Mi risposero che non erano tenuti a farlo. Ho poi scoperto di essere finito in prigione soltanto perché quella mattina al bar avevo offerto un caffè alla persona che ha confessato il reato”. Il 19 ottobre 2010 due uomini erano entrati a casa della donna fingendosi tecnici comunali per rapinarla. Uno di questi, Pierpaolo Atzeni, aveva confessato il reato. Ma il complice non era Ribelli, come dimostra un video ripreso da una telecamera di una stazione di servizio, nel quale si distingue Atzeni in auto, pochi secondi dopo la rapina, con un ragazzo che non è certo l’operaio di Sinnai. Trascorrere sei mesi in carcere da innocente gli ha causato pesanti ripercussioni sulla vita che richiedono terapie adeguate e un’invalidità del 30%. Ma la vita va avanti, e a inizio ottobre Claudio si è sposato.

Ecco il video completo della storia

Domenica 5 Marzo 2017, in occasione del carnevale Sinnaese si rinnova l'appuntamento con la manifestazione de "Is Parillias" che come gli anni scorsi prevede le pariglie a cavallo con i Giovani di Sinnai e altri pariglianti da tutta la Sardegna nella mattinata di domenica. La sera sarà il turno de "Is Cerbixeddus e Is Cerbus" che dalle ore 15.30 saranno in giro per le vie del paese sino ad arrivare in piazza S.Isidoro attorno alle ore 17.00 per l'esibizione de "sa cassa manna". Nel finale nell’anfiteatro di Sant'Isidoro entrerà in scena il gruppo folk Funtan’e Olia con balli e canti assieme ai presenti. L'evento è organizzato dall'Assessorato al Turismo, Commercio, Tradizioni Popolari del Comune di Sinnai in collaborazione con "Is Basonis", "Is Cerbus" e la proloco di Sinnai.

Questo il programma completo

dalle ore 9:30
Is Pariglias e la Pentolaccia presso localita Bellavista
(Bambini giara oristanese, Oristano, Norbello,Fonni, Assemini
Ollollai, Sinnai, Maracalagonis)

MENU TURISTICO PRESSO I RISTORANTI LOCALI

dalle ore 14.00 alle ore 15.30
i Cori Polifonici Maschili di Sinnai:
Coro S'ARRODIA, Coro SEGOSSINI e Coro SERPEDDI'
allieteranno il pubblico con canti tradizionali nel centro storico concludendo la loro attività in via Olimpia al momento della vestizione
ore 15:00
raduno nel palazzetto Sant'Elena (via Olimpia) per la vestizione de Is cerbus e delle maschere ospiti (SOS Corrajos di Paulilatino e S'Ainu Orriadore di Scano Montieferru) e sfilata per le vie del paese

ore 17:00
arrivo presso la Piazza Sant'Isidoro, esibizione delle maschere tradizionali
Conclusione della serata con degustazione gratuita di prodotti eno-gastronomici balli e canti a cura del Gruppo Folk Funtana e Olia

Is Cerbus è un'antichissima tradizione sinnaese, nota e documentata in varie fasi a partire dagli ultini anni del '800 e conservatasi praticamente immutata fino ai giorni nostri. Sa Cassa Manna rappresenta l'eterna lotta dell'uomo contro la natura, attraverso l'allegoria della caccia grossa. Le Maschere che raffigurano "is cerbus e is sirbonis" si nascondono per le vie del paese mentre i battitori"is canaxus" setacciano il territorio sino a scovarle e spingerle verso le poste mentri i cacciatori "is iscupetas" appostati in "s'arrefinu" li attendono pazientemente.

Dopo la cattura le prede vengono ammucchiate al centro della piazza dove "cassadoris e canaxus" festeggiano con urla e spari e attendono l'arrivo de "su carrettoni a cuaddu e de is burricheddus" che porteranno a casa i trofei in una carovana trionfale..

Le attività di Ristorazione propongono per il giorno un menu turistico. Segnaliamo il Ristorante Pizzeria da Birillo a Sinnai in Via Giardini, 7 a pochi passi dalla piazza S.Isidoro che propone un menù completo turistico con antipasto, Malloreddus alla campidanese, Arrosto misto di maiale,, bevande, caffè, amaro e dolcetti a soli 10 euro Per info e prenotazioni 070765588 - 3475518364 - Maggiori info qui

In attesa dell'edizione 2017 Vi proponiamo i nostri video completi dell'edizione 2012

Questa notte ignoti hanno rubato lo zaino di primo soccorso dell'associazione Onlus Sarda Ambiente Vab Sinnai.

Lo Zaino è stato rubato dall'auto parcheggiata fuori dall'abitazione del referente della V.A.B. Sardegna di Sinnai Claudio Moriconi, sostata in via Segantini, a pochi metri dall'incrocio per Via Raffaello.

Come visibile dalle foto è stato spaccato il finestrino dell'auto e portato via lo zaino contente un defibrillatore, tre saturimetri, garze, bende, cerotti, forbici, ghiaccio spray e secco, glucometro, tre sfigmomanometri... e altri accessori necessari all'associazione per le attività di soccorso quotidiano.

Load More

Ultime Trasmesse

Offerte di Lavoro in Sardegna

Offerte di Lavoro in Sardegna




Facebook


Casino.com Italy


Luck.info

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!