Condividiamo l'appello che Sara lancia sulla pagina Tutta Sinnai

"Qualcuno per caso ha visto questa cagnolina? Si chiama Stella, alcune volte scavalca la recinzione fa un giro per la pineta insieme ai nostri altri due cani e poi rincasano, ma da 2 giorni lei non la troviamo! Se qualcuno dovesse vederla o sapesse qualcosa per favore mi contatti, grazie." Chiunque avesse informazioni può contattare Sara Pisano su Facebook

I dati relativi al gioco d’azzardo in Italia interessano due tipi distinti di utente che abitualmente e per diversi motivi gioca. Da un lato abbiamo l’utente che preferisce, ancora una volta, effettuare il proprio gioco in un punto fisico. Cresce però il dato degli utenti che gioca ormai quasi esclusivamente in modalità online. Gli italiani tendenzialmente sono considerati un popolo di giocatori, e da quando il gioco è stato legalizzato e liberalizzato i dati fanno emergere realtà importanti dislocate sull’intero territorio nazionale. Nel corso dei giorni scorsi è stato pubblicato un interessante identikit che traccia un profilo del giocatore tipico, sia per quanto riguarda il gioco fisico sia per i giochi online, che grazie alla tecnologia legata ai dispositivi mobili, ha incamerato un nuovo tipo di giocatore.

Secondo l’osservatorio di Nomisma, Young Millennials Monitor, che crea sondaggi, attitudini e stili di vita dei giovani, possiamo avere una vera cartina tornasole del profilo dei giovani giocatori italiani. Tendenzialmente il giocatore giovane e italiano è del sud Italia, frequenta istituti professionali o tecnici, ed di base maschio. Ricorda per certi versi il profilo di chi nelle generazioni passate frequentava le sale giochi, dove però non c’era ancora la possibilità di giocare d’azzardo, per lo meno a livello legale.

Addentrandoci in questa analisi possiamo vedere come le influenze dei giovani giocatori provengano dalla famiglia, dagli amici e conoscenti e dal tessuto sociale. Sempre secondo questa interessante analisi, il giocatore si approccia per diversi motivi di tipo cognitivo. Curiosità, caso, divertimento e convinzione che vincere e vivere per il gioco sia semplice e divertente. Una percentuale molto bassa parla anche del fatto che siano le pubblicità e internet ad attirare verso il gioco. Di base però è nel tessuto sociale che bisogna trovare le cause del fenomeno scatenante del gioco. Quello che emerge da questo dato è relativo al fatto che in genere, chi gioca online è molto più responsabile e lo fa con cognizione di causa. Il motivo è probabilmente legato al fatto dell’accesso ai siti di gioco e alla registrazione con i propri dati. Soprattutto per i giovani millenials, il gioco fisico d’azzardo è casuale o legato a conoscenze esterne e familiari, e c’è una distinzione netta tra chi gioca online e chi invece si reca fisicamente in una sala da gioco. Il fenomeno del gioco oggi è poi ampliato dai centri di scommesse comunemente chiamati betting store. Il sito di scommesse on line britannico William Hill è conosciuto per la sua affidabilità e punta su un marchio conosciuto in tutta Europa, che ha saputo costruire nel tempo il suo nome grazie a una certa affidabilità e professionalità. Nel giro di affari delle scommesse conta tantissimo l’attenzione mediatica per i principali sport, tra cui calcio e Formula 1, che nel nostro Paese, assieme al MotoGp contano un numero davvero importante di appassionati. In particolare il calcio attira ogni settimana un numero di utenti davvero massiccio verso le scommesse, singole o a schedina multipla. Non solo campionato di A e B, ma anche Champions, Coppa Italia e campionati stranieri come Liga e Premier, sono le scommesse più ricercate e cliccate da chi abitualmente apprezza questo tipo di gioco.  

L'Assessorato al Turismo, Politiche Identitarie e Tradizioni Popolari del Comune di Sinnai e La Pro Loco con la collaborazione con L'Associazione "Is Cerbus", il Gruppo Folk Sinnai e la Parrocchia Santa Barbara organizzano per il giorno 22 Gennaio 2017 "Su Fogadoni de Santu Antoni" . La Manifestazione inizialmente prevista per il 21 Gennaio è stata spostata alla domenica a causa delle previsioni meteorologiche che annunciano precipitazioni importanti il sabato.

Questo il programma di Domenica 22 Gennaio 2017

Alle ore 18.30 si celebrerà la Santa Messa, alle 19.00 la benedizione degli animali e del fuoco dove la maschera de "Is Cerbus" farà la prima uscita dell'anno, la loro rappresentazione aprirà il carnevale. Seguiranno balli sardi e zeppolata per tutti i partecipanti.

Le recenti notizie che parlano di un allarme tubercolosi al centro migranti dell'Abbablu di Solanas hanno riaperto la discussione sulla questione migranti a Solanas. Sui social alcuni commenti dal contenuto totalmente razzista fanno vergognare l'apparenza al genere umano di alcune persone, che a conto loro, risolverebbero il problema con bel cannello lanciafiamme, un bel fosso in terra con la ruspa o una bella bombola a gas con il quale impartire lezioni di sub ai migranti. Roba da Lagher Nazisti. Come se la storia fosse un ricordo lontano e non avesse insegnato nulla al genere umano. Tutta rabbia di persone buone per la polemica, ma del tutto inutili e inadatti a risolvere i problemi. Ma su Facebook c'è anche chi chiede a gran voce, risposte dall'amministrazione e lo fa con toni moderati e costruttivi, preoccupandosi per il futuro della propria comunità. Ecco che qui entrano in gioco i cari buonisti. Guai a lamentarsi dei migranti, siamo tutti razzisti. Come se non si potesse scindere il razzista da un cittadino che vuole il meglio per il proprio paese. Il vero il razzismo è fondato sul presupposto che esistano razze umane superiori ad altre razze. Se si parla un'organizzazione sbagliata nell'aiutare un popolo in forte crisi... non si tratta di razzismo. Se vogliamo accogliere i migranti, occorre farlo bene, in condizioni di sicurezza e in territori dove sia possibile farlo.

Solanas vive di turismo pochi mesi in estate e gode di tranquillità per il resto dell'anno non è una location adatta a questo tipo di accoglienza. Ci sono famiglie e piccoli imprenditori che lavorano con forte impegno tutta l'estate e una situazione simile non aiuta il turismo. Perchè il turista cerca di scegliere il meglio per le proprie vacanze e troppo spesso è intollerante a certe situazioni, quindi preferisce andare altrove, con grave danno all'economia già disastrata di Solanas. I Migranti stessi non vogliono stare li, lontani da tutti, lontani dal mondo, emarginati. Vogliono farsi una vita, lavorare, crescere. Ghettizzandoli a Solanas dove non è possibile avere integrazioni lavorative e culturali è una situazione che può valere in condizioni di emergenza per pochi mesi, ma non per anni. Quindi cari buonisti, condanniamo pure il razzista che veramente offende pesantemente il profugo e la storia dell'umanità ma non sottostiamo a decisioni sbagliate che uccidono il nostro territorio.

Foto di Paolo Pilleri.

Una goccia di sangue per un mare di solidarietà...  La Sezione Comunale di Sinnai dell'Associazione Volontari Italiani Sangue (AVIS)organizza per Sabato 14 Gennaio 2017 la prima giornata della donazione del Sangue del 2017. La manifestazione dedicata alla donazione del Sangue in autoemoteca si terrà presso "Via E. D'Arborea nei parcheggi fronte ASL" a Sinnai dalle 8.00 alle 12.00. 

La donazione del sangue può essere effettuata da tutti i cittadini sani che abbiano compiuto il 18° anno di età ed abbiano un peso corporeo non inferiore a 50 kg ed occorre presentarsi a digiuno o con un caffè/the o succo e due fette biscottate. Non si deve assumere Latte, devono essere trascorsi 3 giorni dall'assunzione di farmaci contenenti aspirina e devono essere passati almeno 7 giorni dal termine della terapia antibiotica.

Possono donare tutte le persona con un età compresa tra i 18 e i 65 anni ed in buona salute. 

Ricorda: puoi donare anche se sei fabico, portatore sano o prendi la pastiglia della pressione! Non hai scuse!

Domenica 8 Gennaio 2017 ottobre alle ore 20 presso l'Aula Consiliare del Comune di Sinnai è previsto il concerto di beneficenza "1000 Voci per Ricominciare" che vedrà la partecipazione del Coro S'Arrodia diretto da Maurizio Boassa, Coro Amistade diretto da Emilio Valentini e Corale Santa Cecilia diretto da Elia Demuro.

Il progetto “1000 VOCI per ricominciare” è nato dall'iniziativa di alcuni coristi uniti dal desiderio di aiutare con il canto, come già fecero per l'Abruzzo e l'Emilia, le popolazioni colpite dal terremoto dell'agosto scorso.

Si tratta quindi di un grande coro di solidarietà che unisce l'Italia, dal Piemonte a Sicilia e Sardegna, hanno aderito all'iniziativa fino ad oggi circa 80 tra cori, ensemble musicali e una scuola con la sua orchestra giovanile: nel complesso più di un migliaio di voci saranno protagoniste, attraverso i loro brani, di un grande e simbolico concerto di solidarietà.

Per garantire la totale trasparenza, è stata chiesta la collaborazione dell'Istituto Bancario:"RIVABANCA BCC" che ha permesso l'apertura di un conto corrente dedicato, a zero spese, intestato "1000vocixricominciare".

Le offerte raccolte durante i concerti saranno devolute a favore della ricostruzione del Teatro di Amatrice

RIVABANCA BCC" IBAN IT18W0711730860000010100908 - Maggiori info su www.1000vocixricominciare.it

Stasera alle ore 20.00 presso il teatro civico di Sinnai, serata musicale in beneficenza per Amatrice, con i gruppi Old Memories, New Anime e il duo Veronica Pisano e Maurizio Gastaldi. Presentazione a cura di Ausilio Mameli. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Sinnai e dalla Pro Loco Sinnai. 
Per info e prevendita biglietti 3488059730

Load More

Ultime Trasmesse

Offerte di Lavoro in Sardegna

Offerte di Lavoro in Sardegna




Facebook


Casino.com Italy


Luck.info

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!