Stampa

Cagliari capitale della nostra cultura

Posted in Eventi & Cultura

Una grande sfida per noi Cagliaritani quella di “Cagliari Capitale della Cultura”, una manifestazione di grande rilievo e importanza nel panorama culturale europeo.
Ma cos'è una Capitale della cultura? E quali sono i requisiti che una Capitale della Cultura deve acquisire?
La Capitale europea della Cultura è una città selezionata dall'Unione Europea che per un anno ha la possibilità di presentare e mostrare la propria cultura incrementando così la propria visibilità, turismo nel panorama europeo e così innovarsi; Questa manifestazione nasce nel 1985 e viene vista come mezzo e strumento per avvicinare le diversità e le differenti realtà europee.
La Capitale della Cultura per eccellenza verrà designata per le sue qualità e bellezze paesaggistiche e non solo, essa dovrà fornire un buon programma di lavoro e potenziamento della Capitale e dei suoi servizi e beni da realizzarsi nell'arco dell'anno di selezione di quest'ultima. Cagliari è infatti ad oggi impegnata in una serie di progetti innovativi sia a carattere culturale, innovativo e sociale non dimenticando il motto dell'Unione Europea “Uniti nella diversità”.
Per la nostra città è una grande occasione di rinnovamento culturale e incremento turistico che sfocerà senza dubbio in una rinascita anche dal lato economico.
Per il 2019 i Paesi selezionati sono l'Italia e la Bulgaria; Cagliari è stata selezionata dopo una scrematura di ben 21 città tra cui Genova, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna, Siena, Amalfi, Aosta, Bergamo, Pisa, Caserta, L'aquila, Mantova, Palermo, Ravenna, Siracusa, Taranto, Urbino e Venezia. Ad oggi le città Italiane rimaste sono Cagliari, Lecce, Matera, Perugia, Ravenna e Siena.
Ci stiamo preparando ad una città del futuro, una città integrata e sopratutto a misura di intercultura e cultura senza confini. Siamo pronti a tutto questo? Si. Perchè? Cagliari ha un forte bisogno di sperimentare e di cambiare, evolversi e diventare una forte attrazione per il turista più di quanto già non lo sia, avendo di per se un grande potenziale. Possiamo partire dal “reinventarci” pur lasciando le nostre preziose e tanto amate radici che ci legano a questa stupenda nostra terra, valorizzare perciò il nostro essere e la nostra cultura artistica, artisti emergenti e artisti che hanno scritto la nostra storia.

Stampa

Le lacrime dei neopapà gay: lo scatto emoziona il mondo

Scritto da RadioFusion. Posted in Eventi & Cultura

La fotografa canadese Lindsay Foster ha catturato il momento in cui due neopapà hanno abbracciato per la prima volta il loro bambino. Il piccolo Milo è nato il 27 giugno grazie ad una mamma surrogata che, come specifica l'autrice dello scatto, ha prestato l'utero ma non i suoi ovuli. Le immagini dei due genitori emozionati e commossi, a petto nudo per favorire il contatto 'pelle contro pelle' importante per il neonato, stanno facendo il giro del mondo. "Ognuno può avere la sua opinione - scrivono i due papà Bj Barone e Frankie Nelson sulla pagina Facebook della fotografa - ma questo è un momento di amore puro e incondizionato che rappresenta l'essenza del Pride. L'amore non ha colore, nè genere o preferenze sessuali".

immagine di Lindsay Foster 

Stampa

Cagliari, Ospedale SS. Trinità - Tossicodipendenti e Zona Franca

Scritto da Alessandro Congia. Posted in Eventi & Cultura

All'interno del Presidio Ospedaliero di Is Mirrionis (SS.TRINITA'), chiunque può entrare ed uscire indisturbato: tra i drogati che si bucano nei sottoscala dei Reparti, tutto appare un'isola felice. Ecco il documento integrale che mostra con quale facilità è possibile entrare in casa ASL 8 ... Ci chiediamo a questo punto se anche dall'ingresso principale è Terra di Nessuno.

Ospedale SS.Trinità Cagliari, Zona Franca per i drogati... Durante il giorno, mattina e sera, (probabilmente la notte è pressochè impossibile dato che la guardia giurata della Sicurvis Vigilanza è in servizio c/o reparto Infettivi), decine di tossicodipendenti entrano ed escono dal cortile esterno del Presidio Ospedaliero... Accanto al "Maxillo Facciale" e Laboratorio Analisi, il fenomeno è allarmante... Siringhe ovunque.... Ciò che accade è sotto gli occhi di Tutti.... Nella Zona Franca ribattezzata "sottoscala del Buco del SS.Trinità"... ed è impossibile che dalla ASL 8 non sappiano nulla... Impossibile!.... Buona Visione.

 

Servizio giornalistico: Alessandro Congia



x
Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy