Quante volte scorrendo tra le varie stazioni radiofoniche vi sarà sicuramente capitato di ascoltare Radio Padania. Audio monofonico di pessima qualità ma con una copertura incredibilmente diffusa in tutto il territorio nazionale. Qualcuno di voi si è mai chiesto, come fa una radio "Comunitaria" ad avere e mantenere tante frequenze in tutta Italia? Pagherà Bossi & Company? Niente di tutto ciò. Radio Padania grazie ad una legge del suo fondatore, è una vera e propria miniera d'oro. Durante la discussione della finanziaria del 2001, un emendamento presentato dal fondatore dell’emittente, il deputato leghista Davide Caparini, (Legge 28 dicembre 2001, n. 448, Art. 74) permette alla stazione radiofonica padana (e alla cattolica Radio Maria) di attivare liberamente nuovi impianti Fm sul territorio nazionale senza chiedere preventive licenze al ministero o agli ispettorati regionali, purché non interferiscano con frequenze già esistenti. La concessione si ritiene assegnata a pieno titolo dopo appena 90 giorni, di conseguenza la frequenza può essere anche immediatamente venduta. Radio Padania è considerata un'emittente “di servizio”, senza finalità di lucro ed in quanto appartenente ad associazioni o fondazioni culturali, politiche o religiose è classificata come “comunitaria”, cioè non commerciale e utile alla comunità. Un bel vantaggio rispetto alle altre emittenti che non possono acquisire alcuna frequenza se non a caro prezzo. Mentre le voci dell'etere a carattere locale muoiono una dietro l'altra, tra l'indifferenza generale, si consente a Radio Padania di guadagnare milioni di euro, grazie alla vendita delle frequenze occupate in virtù di una legge firmata da un deputato della Lega. Inoltre dalla legge finanziaria del 2005 (Legge 30 dicembre 2004, n. 311, Art.1 comma 213) , ogni anno lo Stato ha stanziato un milione di euro (ma il fondo è stato rivalutato) per il potenziamento e l'aggiornamento tecnologico nel settore della radiofonia. I soggetti che possono usufruire del contributo sono però quelli indicati al comma 190 della Finanziaria del 2004, cioè: le "emittenti radiofoniche nazionali a carattere comunitario". Le uniche due che rispondono al requisito sono Radio Padania e Radio Maria. Ma mentre Radio Maria utilizza le proprie frequenze in maniera corretta senza eccedere nell'accensione di Frequenze, Radio Padania tramite abili installatori speculatori, continua ad accedere in tutto il territorio nazionale e rivendere le autorizzazioni. Un giro di soldi oscuro, ma nessuno ne parla, nessuno sa niente, solo le emittenti o gli appassionati del settore si accorgono della vergogna che si porta avanti da oltre 10 anni! Vi Facciamo un esempio pratico: Su Cagliari c'è una frequenza libera, Radio Padania irradia da quella postazione il proprio segnale, dopo 90 giorni quella frequenza diventa sua e viene ceduta ad un'altra radio. Nel frattempo sulla stessa postazione, Padania accende un'altra frequenza per poi rivenderla, sino a saturare totalmente il campo fm disponibile. In Sardegna ad esempio Radio Padania ha fatto affari d'oro cedendo frequenze a vari Network Nazionali in primis RTL 102.5, RDS, Radio Italia, R 101 ma anche alla radio regionale "Radiolina".

Ci Auguriamo che prima o poi qualcuno si accorga dello scempio che sta avvenendo nell'etere, servirebbe una regolamentazione del settore che possa permettere a grandi e piccoli di espandersi, nei giusti modi, senza sfruttare l'escamotage offerto da Radio Padania.

Partirà sabato 5 aprile da Cagliari il tour itinerante “Visitiamo la tua città”, un progetto educativo sui corretti stili di vita promosso dalla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e realizzato con il contributo incondizionato di DOC Generici, azienda tra i leader di mercato nella produzione di farmaci equivalenti. La campagna, giunta alla seconda edizione dopo il grande successo del 2013, si concretizza in un tour itinerante che tocca 30 città del centro e sud Italia. L’obiettivo è sensibilizzare gli italiani sui corretti stili di vita e sull’importanza della prevenzione nelle malattie non trasmissibili - rappresentate principalmente da quelle cardiovascolari, dal diabete, dal cancro e dalle malattie respiratorie croniche - responsabili di un numero crescente di inabilità e decessi.
Sostenuto dal Comune di Cagliari, che ha patrocinato il progetto, “Visitiamo la tua città” sosterà in Piazza Giovanni XXIII, dove sarà allestito un vero e proprio village della salute. Per tutta la giornata - dalle 10.00 alle 20.00 - i medici di famiglia SIMG e i diabetologi AMD saranno a disposizione dei cittadini di Cagliari per fornire consigli e informazioni su come adottare uno stile di vita sano, all’insegna della prevenzione.
Il village di “Visitiamo la tua città” è costituito da 3 aree:

- Area informativa multimediale, dove i cittadini possono recarsi per chiedere informazioni e consigli ai medici SIMG. Quest’area è dotata di video esplicativi, opuscoli, sui temi della salute e di postazioni touchscreen che permettono un’interazione con i visitatori. Prima dell’incontro con il medico, ogni visitatore sarà invitato a rispondere a due brevi questionari per valutare lo stile alimentare e il rischio di diabete. I risultati dei questionari saranno poi analizzati e discussi insieme ai medici presenti nel village.

- Truck, dove infermieri professionali misureranno alcuni parametri basali (peso, altezza, BMI, pressione arteriosa) e il rischio cardiovascolare con uno strumento elettronico non invasivo. In caso di rischio diabetico indirizzeranno il cittadino dal diabetologo di AMD.

- Area bambini, area ludica dove i piccoli possono divertirsi con un animatore mentre i genitori o i nonni sono impegnati con i medici e gli infermieri. Gli infermieri professionali e il sistema (Age Reader), per la misurazione del rischio cardiovascolare, sono messi a disposizione da PIC Solution. Nelle città in cui il circuito di palestre del Movimento per la Salute (MPS) è presente, un istruttore sarà a disposizione dei cittadini per dispensare consigli su come mantenersi in forma e offrirà inviti gratuiti in palestra. Perché chi ben inizia, è già a metà dell’opera. Il tour è “cardioprotetto”, grazie proprio alla collaborazione con Movimento per la Salute, che metterà a disposizione un defibrillatore. Il calendario completo ed ulteriori informazioni sull’evento sono disponibili sul sito www.visitiamolatuacitta.it

Secondo i dati Istat 2012, gli italiani con diabete sono oltre 3,3 milioni, con una percentuale del 5,5% sulla popolazione nazionale e un aumento di oltre il 60% negli ultimi 20 anni. A questo numero vanno aggiunti i casi di pre-diabete (pari al 4% della popolazione adulta) e una percentuale di casi di diabete misconosciuti, stimabile tra il 20% e il 50% di quello già noto. Non bisogna, inoltre, dimenticare l’alta prevalenza dei soggetti sovrappeso e degli obesi nella popolazione italiana sopra i 18 anni, pari rispettivamente a 35,5% e al 9,9%; oltre al 20,2% di persone obese o sovrappeso nella fascia d’età che va dai 6 ai 17 anni. Tutto ciò non rappresenta solo un problema per la salute individuale, ma anche per quella di coppia. Infatti l’obesità e lo stato di pre-diabete, possono diminuire la fertilità maschile, rendendo il concepimento più lungo e difficile. L’Associazione Medici Diabetologi, rifacendosi ai dati ISTAT 2012, ha stilato la classifica delle regioni italiane per numero di persone con diabete, evidenziando quanto questa malattia cronica sia un problema sociale gravoso nel Sud, dove è percentualmente più presente. Due delle prime 3 posizioni nella classifica sono occupate, infatti, da regioni del sud: la Campania, con oltre 334 mila persone con diabete (ma con una popolazione pari a poco più della metà della Lombardia che si piazza al primo posto) e la Sicilia, con 290 mila abitanti con diabete (su 5 milioni complessivi). Segue il Lazio, con 286 mila malati e una popolazione di 5,5 milioni. La “maglia nera” dell’ISTAT per la percentuale di persone con diabete sulla popolazione totale va a Calabria e Abruzzo, con una prevalenza rispettivamente del 7,2% e del 7,4%; in termini assoluti, entrambe si trovano “solo” a metà classifica, in quanto regioni con meno di 2 milioni di abitanti. La salute del cittadino ha inevitabilmente un impatto sociale e il diabete rappresenta un punto cruciale. Secondo il rapporto dell’International Diabetes Federation, Diabetes Atlas 2013, il diabete assorbe ogni anno risorse per 548 miliardi di dollari, l’11% dell’intera spesa sanitaria mondiale, e l’Italia non si discosta dalla media con oltre 10 miliardi di euro, sui circa 100 miliardi di spesa sanitaria nazionale.“L’insostenibilità dei costi del diabete è legata particolarmente alla tardività degli interventi e alla mancanza di una cultura effettiva basata sulla prevenzione. Pertanto la riduzione dei costi sociali e sanitari del diabete si può attuare con una politica di prevenzione sia nella fase diagnostica sia, successivamente, con un attento monitoraggio e controllo dei fattori di rischio, per evitare complicanze. Questa campagna, realizzata per il secondo anno grazie al contributo di DOC Generici, rappresenta una nuova opportunità per mettere in pratica questa politica preventiva, in cui il ruolo del Medico di Famiglia è sempre più cruciale” spiega Claudio Cricelli, Presidente SIMG. “Anche in ambito terapeutico è possibile attuare un contenimento dei costi a carico dei privati, attraverso l’impiego di farmaci equivalenti” - conclude Cricelli. - “Ciò rappresenta un comportamento responsabile da parte di medici e pazienti in considerazione del fatto che sono efficaci e sicuri come i corrispettivi farmaci di marca, ma garantiscono un miglior utilizzo delle risorse a disposizione”. “Grazie ai contatti frequenti e capillari con la popolazione” - spiega Antonio Ceriello, Presidente AMD - “i Medici di Famiglia hanno un ruolo strategico nella prevenzione delle malattie non trasmissibili, di cui il diabete fa parte, ma il loro contributo è altrettanto importante affinché i molti casi di diabete misconosciuto vengano diagnosticati ed indirizzati al Diabetologo, per ricevere cure adeguate e prevenire le complicanze. E’ proprio da questa stretta sinergia tra Medico di Famiglia e Diabetologo” - conclude Ceriello - “che è nata la nuova edizione del tour Visitiamo la tua città”. “Un’alta percentuale di malattie non trasmissibili, tra cui il diabete e le malattie cardiovascolari, possono essere prevenute in maniera molto più semplice di quanto si possa pensare ed è nostro dovere di medici sensibilizzare i cittadini a riguardo” - afferma Gerardo Medea, Responsabile Nazionale Area Metabolica SIMG. “Una corretta alimentazione, ricca di fibre, l’abolizione del fumo e del consumo di alcol, una moderata attività fisica sono ancora le regole d’oro per la salute ed il benessere delle persone, sempre più longeve e dunque sempre più predisposte a patologie metaboliche o cardiovascolari” - conclude Medea. Per incentivare un’assunzione di responsabilità da parte di tutti, affinché uno stile di vita sano diventi un approccio spontaneo, adottato fin da giovani nella pratica quotidiana, le comunità scientifiche lavorano sempre più in sinergia con le aziende. “Il tema della prevenzione e quello dei farmaci equivalenti hanno in comune l’obiettivo di contenere la spesa farmaceutica, che ha raggiunto valori al limite della sostenibilità, attraverso l’adozione di corretti stili di vita e la produzione di farmaci equivalenti che consentono ai cittadini di accedere alle terapie ad un prezzo più basso” - dichiara Gualtiero Pasquarelli, Amministratore Delegato di DOC Generici. “Per questo motivo credo sia doveroso che le aziende come DOC Generici supportino la comunità scientifica fornendo le risorse mancanti affinché iniziative come “Visitiamo la tua città" possano sensibilizzare e informare l’intera popolazione italiana sui corretti stili di vita” - conclude Pasquarelli.

Venerdì 04 e Sabato 05 aprile al Centro Commerciale Le Vele si svolgerà la manifestazione La bussola del lavoro. L’evento è dedicato a chi si affaccia per la prima volta nel mondo del lavoro, a chi non ha rinunciato a realizzare il proprio progetto professionale, a chi vuole capire come cercare con efficacia o come crearsi una nuova occasione di lavoro. Nelle postazioni allestite all’interno del Centro Commerciale Le Vele ci sarà modo per comprendere, informarsi, fare rete, ripartire con fiducia e strumenti nuovi. Saranno forniti interventi di orientamento professionale gratuiti, attraverso informazioni e opportunità concrete.

Si potranno ottenere indicazioni e supporto per impostare il proprio curriculum, per utilizzare le potenzialità di autopromozione dei social network e per orientarsi tra le proprie aspettative e le richieste del mercato. I partecipanti avranno inoltre la possibilità di incontrare i consulenti del settore, di candidarsi nelle Agenzie per il Lavoro e conoscere le opportunità formative per una propria riqualificazione.
Attraverso questi strumenti e la collaborazione sinergica degli operatori del settore si potrà favorire l’incontro tra domanda e offerta al fine di stimolare iniziative di auto imprenditorialità e dare nuova linfa vitale al tessuto economico del territorio. La Bussola del lavoro è stato realizzato con il Patrocinio del Comune di Quartucciu e del Comune di Quartu Sant’Elena. 

Il cuore della Sardegna batterà per tre giorni, dal 4 al 6 aprile, a Muravera, nel Sarrabus, per la storica Sagra degli agrumi che da 42 edizioni saluta la primavera chiamando a raccolta le tradizioni dell'Isola fra cultura, sapori, suoni, ritmi, colori. Una festa che ogni anno registra oltre 30mila presenze. L'apice sarà la grande sfilata di domenica 6, con gruppi folk, con cavalieri e amazzoni su cavalli bardati a festa e con maschere etniche del tradizionale carnevale della Barbagia. Ma soprattutto con le etnotraccas, carri museo unici che diventano rappresentazioni etnografiche in movimento, spaccati di una realtà d'altri tempi ricostruita con minuzia da gruppi di appassionati, associazioni del paese che lavorano per mesi alla realizzazione. All'etnotracca più rappresentativa una giuria di esperti assegnerà, a fine giornata, il Premio "Maist'e traccas". Colonna sonora sarà il suono acuto e vibrante delle launeddas, il caratteristico ed antico strumento sardo a tre canne, suonato con la tecnica del fiato continuo. Lungo la sfilata della domenica si alterneranno le maschere mamoiadine, quelle nere e sonore dei Mamuthones con gli agili Issohadores, le facce fuligginose e incappucciate dei Thurpos di Orotelli, i giocosi Boes e Merdules di Ottana, le antropomorfe rievocazioni dei Mamutzones e Urtzu di Samugheo e s?urtzu e is scruzzonis di Siurgus Donigala. Ma nei tre giorni sarà fitto il programma della manifestazione, fra spettacoli di musica e danze tradizionali, degustazioni di agrumi e prodotti locali, visite guidate agli agrumeti, convegno su nuovi modelli di sviluppo, laboratori creativi, mostre tematiche, musei itineranti, concorsi fotografici. Ed in più le splendide cortes (i cortili addobbati a festa), una conferenza-concerto sulla musica femminile sarda e molto altro. Un appuntamento unico e imperdibile, che sa rinnovare la tradizione partendo dagli agrumi, tra storia e arte, agricoltura e artigianato. La Sagra degli Agrumi è organizzata dal Comune di Muravera con la collaborazione della Pro Loco e delle associazioni del territorio. La Sagra è conosciuta anche come Sagra delle Arance, agrume principale insieme ai limoni.
Ecco tutto il programma completo 42^ edizione  della Sagra degli Agrumi 2014
Venerdì 4 Aprile 2014
ore 9.30-12.30 /16.00-18.00: Agrumeti Aperti – visita guidata negli agrumeti di Muravera (Via Giardini)
Ore 10.30: Convegno Opportunità di una #Destinazione. Un modello di sviluppo integrato (Aula Consiliare Comune di Muravera - Piazza Europa)    
Ore 16.00-20.00: Apertura Mostre e sale espositive - Dimostrazioni e workshop Antichi, Mestieri Artigiani (Casa dei Candelai - Via Speranza)
Mostra fotografica e degli strumenti musicali della Banda Musicale “G.Verdi” Muravera (Via Marconi)
Mostra “La risorsa naturalistica delle Oasi” (Centro di Educazione Ambientale Naturalia Loc. Feraxi)
Mostra “La Sagra degli Agrumi in 41 anni di scatti e filmati” a cura dell’Ass. Muravera Dentro l’Anima (Via Roma 144)
Ore 17.00: "Arance in Musica" Concerto dell’Orchestra Stravinskij dell’Istituto Comprensivo “D.Alighieri” di Muravera (Piazza Europa)
Ore 19.00: Esibizione della Banda Musicale “G.Verdi” di Muravera (via Marconi)
Ore 20.00: "Contus de arrollieddu" Rappresentazione teatrale in lingua Sarda a cura dell’Ass. la Forgia (Via Montis fronte Casa dei Candelai)
Sabato 5 Aprile 2014
ore 9.30-12.30 /16.00-18.00: Agrumeti Aperti – visita guidata negli agrumeti di Muravera (Via Giardini)
Ore 15.00: Tutti in bici aspettando la Sagra a cura di Biker senza Gloria  e Amici in Bici (Piazza Europa)
Ore 16.00-20.00: Apertura Mostre e sale espositive        
Ore 16.00: Trekking negli agrumeti di Muravera a cura dell’Ass. Muravera Trekking (Via Giardini)
Ore 17.30: "Feminas: boxis noas e costumadas" Viaggio nella musica delle donne in  Sardegna tra tradizione e innovazione. Conferenza Concerto (Auditorium oratorio Madre Teresa di Calcutta via Marconi)
Ore 19.00: "Cortes" Musica, esposizioni e degustazioni (Casa dei Candelai e Casa Congiu a cura dell’Ass. Lundras via Speranza e Via Roma - Casa Su Pasiu via Speranza - Piazza Chiesa a cura del Comitato S.Agostino - Casa Pisano, Casa Aresu, Casa Mattana a cura dell’Ass. La Forgia - Casa via Marconi a cura della Banda Musicale G.Verdi - Casa via Roma a cura del Comitato S.Lucia - Casa via Roma a cura dell’Ass. Muravera Dentro l’Anima)
Domenica 6 Aprile 2014
Ore 9.30: Concorso Fotografico “Traccas e costumi della Sagra” a cura dell’Ass. Amici della Fotografia (via Roma)
Mostra Fotografica “Fulvio Branduzzi: Luoghi perduti. Gli occhi della memoria” (via Roma 200)
Punto Campagna Amica Coldiretti Cagliari esposizione e vendita di prodotti a km zero (via Europa)
ore 10.30: Sfilata Gruppi folk provenienti da tutta la Sardegna, traccas ed etnotraccas, cavalieri e maschere del Carnevale tradizionale (Via Roma)
Ore 15.00 -20.00: Esposizione Etnotraccas (via Europa)
"CORTES" Musica, esposizioni e degustazioni (via Speranza, Via Marconi e Via Roma)
Apertura Musei e sale espositive (Via Speranza, Via Marconi, Via Roma e Naturalia Feraxi)
Ore 16.00: Spettacolo di danze e canti tradizionali sardi - Premiazione “Maist’e traccas” - Premiazione cavalieri (Piazza Europa) www.sagradegliagrumi.com

Una coppia gay, composta da due ragazzi del cagliaritano (non scriviamo nomi e il paese di residenza, per tutelare la privacy), è stata insultata pesantemente con commenti omofobi su una pagina facebook. Il fatto è avvenuto sul profilo "Cagliari Anti-Antifascista" che ha condiviso la foto di due giovani ragazzi che si baciano, insultandoli con lo status "Froci di Merda, Bastardi, Il Vomito". A denunciarlo è direttamente uno dei due ragazzi che ha chiesto a tutti i propri contatti di segnalare il profilo a facebook per la rimozione. La pubblicazione del link ha scatenato il putiferio con commenti omofobi conditi da frasi che inneggiano ai forni crematori per le persone omosessuali e lamentano il mancato rispetto delle persone "normali", c'è chi addirittura pubblica foto simboliche di una coppia gay morta a terra con il cuore strappato. Noi dell'associazione culturale Radio Fusion, ci chiediamo chi siano in realtà le persone "normali", come sia possibile definire in questo modo, elementi con una mentalità simile. Una bruttissima vicenda che testimonia quanto siamo ancora lontani da una società rispettosa di ogni persona, a prescindere da razza, sesso o religione. Il profilo "Cagliari Anti-Antifascista" in seguito alle numerose segnalazioni, è stato rimosso.

Sabato 8 Marzo 2014 alle ore 17.00 abbiamo trasmesso la diretta video live streaming con il "4 MOORS SPECIAL EDITION WILD CARD Battle Of The Year Italy 1 vs 1" il contest più importante al mondo per quanto riguarda la breakdance.

Il vincitore del contest 1vs1 4 MOORS SPECIAL EDITION otterrà una wild card per partecipare alla qualificazione italiana del Battle of the Year 1vs1 (Milano, Sabato 14 Giugno 2014) e sarà inserito fra i 16 bboy partecipanti che si affronteranno per conquistare un posto alla World Final del Battle of the Year (Braunschweig, Venerdì 17 Ottobre 2014). Tutti i B-Boy e B-Girl sognano di entrare a far parte di questo evento, da quest'anno avete la possibilità di farne parte.

Sardegna, Sicilia e Napoli siamo le uniche selezioni in Italia ad avere l'esclusiva e a poter dare un posto nel tabellone. L'evento organizzato da TUROK-KALMA-GIPSY e FABRIK CLUB si è svolto a Cagliari in via Mameli 2016 è stato trasmesso in diretta live streaming dal nostro Marco Shoot Marcia sul Canale Radio Fusion Tv di Streamago.

L'associazione aloe felice, organizza nel mese di marzo nei giorni: sabato 8, sabato 15, sabato 22, sabato 29, il 2° corso base di cucina italiana creativa. Il seminario dei buoni sapori, sara' condotto da Antonio Lai, già conduttore del programma televisivo della buona tavola: spaghetti a detroit, 2007 e la ricetta della settimana, 2010, su t.c.s.

Il corso ha l'obiettivo della riscoperta dei sapori genuini e della varietà, bonta e semplicita' dei piatti popolari italiani. Gli aspiranti cuochi si cimenteranno ai fornelli, sotto l'egida ala protettiva del Lai, nella preparazione dei piatti tipici della tradizione popolare regionale italiana: coda alla vaccinara, brasati alla polenta, orecchiette, pizza imperiale, porchetto alla giulio andreotti, verdone all'acqua pazza, spaghetti alla chitarra, ravioli alla minculpop, lessi alla padovana, sono solo alcune delle pietanze che andremo a rivisitare in chiave creativa per la gioia dei palati più esigenti. L'evento gastronomico, si terra tutti i sabato di marzo a Quartucciu dalle ore 16 alle 22. A fine serata, come di consueto, i piatti preparati, si mangiano con buona pace di chi ci vuole male. Il corso consta di 4 lezioni di 6 ore complessive ogni sabato per 24 ore totali full immersion e avrà un massimo di 20 partecipanti. Al termine, sara' rilasciato dall'associazione aloe felice, l'attestato di partecipazione.
per info e adesioni: 340.360.23.65 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Load More

Ultime Trasmesse

Offerte di Lavoro in Sardegna

Offerte di Lavoro in Sardegna




Facebook


Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!