Venerdì 05 ottobre 2012, alle ore 18:00, presso i locali della Pinacoteca Comunale in Via Colletta a Sinnai una fazione del Partito Democratico rappresentata da gli "ex DS" ovvero Nicola Zunnui, Ignazio Pau, Cristiano Spina, Mario Manunza, Cristian Atzori e altri tesserati, organizza un convegno dal titolo "Riforme Istituzionali: Ruolo dei comuni e delle province". Un'interessante dibattito coordinato da Ignazio Pau con la partecipazione di diverse forze politiche locali e del Presidente Gruppo Consiglio Regionale PD: Giampaolo Diana. L'evento però pare sia stato organizzato senza la partecipazione del segretario cittadino e attuale capogruppo del pd a Sinnai: Antonello Cocco. Dopo la costituzione di Partecipazione Democratica, Associazione politico-culturale nata a seguito della scissione interna al Partito Democratico di Sinnai a causa di vari dissapori tra alcuni rappresentanti del circolo, E' un evidente segno che il PD Sinnaese è nuovamente protagonista di un ulteriore fibrillazione. Su facebook le prime dichiarazioni “Circolano voci sempre più insistenti che il circolo del partito di SINNAI stia organizzando per venerdì 5 p.v. un convegno. Per dovere di chiarezza nei confronti dei relatori e delle forze politiche eventualmente invitati a partecipare e dei nostri concittadini, e a tutela delle determinazioni assunte dal direttivo del partito democratico nella riunione del 18 settembre scorso, e' mio dovere precisare e comunicare che il circolo del partito di SINNAI e' estraneo all'iniziativa in oggetto.” questa è la nota che è stata pocanzi pubblicata da Antonello Cocco sul social network. E' trascorso solo un anno dall'insediamento del consiglio comunale e già traspare una collisione all'interno della maggioranza, saranno i sintomi di un ulteriore rottura all'interno del partito?

Sono le 20.45 quando un giovane di Sinnai si reca presso il centro commerciale le vele/millenium di Quartucciu con la propria auto. Subito dopo aver parcheggiato il proprio Bmw, viene avvicinato da uno dei tanti Senegalesi che cerca di rifilargli merce di vario tipo in modo piuttosto insistente. Il Giovane non interessato gentilmente rifiuta l'offerta, ma il vu cumpra' scocciato farfuglia qualcosa in modo poco corretto. Il Ragazzo continua la sua serata alla visione di un film presso il The Space Cinema ma al suo rientro in auto passate le 22, l'amara sorpresa; Sul Cofano anteriore un grosso simbolo fallico disegnato con al fianco la scritta "5 Euro". Come spesso accade in questi casi l'ira del proprietario del Bmw finisce su facebook, con tanto di foto e imprecazioni contro i Senegalesi che ogni giorno affollano i centri commerciali di tutta italia. "Hanno rotto il ca**o questi str**zi di m**da che vengono nel nostro paese a rompere i co***oni e poi dicono ce siamo razzisti ma per favore... Qua c'e proprio bisogno di giustizia fai da te!!!" Ovviamente diffidiamo dal commento del titolare dell'auto ci limitiamo a segnalarlo ed è ovvio che non si ha la certezza che sia stato il Senegalese a compiere l'opera, ma effettivamente non per generalizzare, spesso i ragazzi di colore presenti nei parcheggi diventano una vera e propria ossessione. Intanto sui social network c'è chi ipotizza che in realtà a compiere lo scempio non sia stato uno dei parcheggiatori di colore, ma uno dei tanti "droghini nostrani" ovvero i ragazzini sbandati che girano per il centro commerciale. Forse sarebbe ora che qualcuno prendesse dei seri provvedimenti per regolarizzare la sicurezza ed i controlli all'interno di questi parcheggi. E Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra!

Le prenotazioni erano una settantina, ma alla fine gli organizzatori della prima Microchip day grazie alla collaborazione dell'Azienda ASL n° 8, della Sarda Ambiente Sinnai e della Cooperativa BauClub Onlus, sono riusciti ad accontentare 123 Cani.

L'iscrizione all'anagrafe canina è partita questa mattina presso i locali della Piazza S.Isidoro, molti i cani accompagnati dai loro padroni in attesa l'applicazione del chip obbligatorio per legge. Alcuni di loro sono rimasti a secco, ma potranno ripresentarsi il giorno 11 ottobre 2012. Infatti per questa data è prevista una seconda giornata per cercare di accontentare tutti. Per l'iscrizione all'anagrafe canina è sufficiente presentare la propria tessera sanitaria ed un documento d'identità.

E' bene ricordare che grazie al microchip il cane viene identificato e per conoscere la consistenza e la distribuzione della popolazione canina e sopratutto per garantire la veloce restituzione dei cani smarriti ai legittimi proprietari.Per evitare di rimanere senza microchip vi invitiamo a prenotarvi tramite i seguenti numeri: 

Bau Club : 3283661490

Comune : 0707690503/507 

Oggi, 27 settembre 2012, presso la circonvallazione di Sinnai sono iniziati i lavori di pulizia delle piazzuole e delle cunette. L'iniziativa è degli Assessori Leoni e Melis, in collaborazione con la Campidano Ambiente e dal servizio civico di Sinnai. Si dirà che hanno fatto il loro dovere, ma personalmente ritengo sia più importante approfondire il discorso della buona educazione delle persone, che sono la vera causa dello scempio ambientale che è agli occhi di tutti. Detto questo, è importante che ogni cittadino faccia la sua parte, segnalando le discariche abusive, e perchè no, anche l'imbecille che semina immondezza nelle nostre campagne, altrimenti si corre il rischio di diventare veramente noiosi, puntare il dito sempre contro le istituzioni, dimenticandoci che tutto ciò è opera di persone fatte di carne e di ossa. 

E' incredibile come si possa buttare addirittura decine di chili di cozze, vernici, amianto, televisori e gomme, ossa di animali, ma soprattutto decine di bottiglie di birra lanciate dal finestrino della propria automobile, dimenticandosi del servizio raccolta dei rifiuti che ognuno di noi paga anche caro. Ecco, questa è l'inciviltà e l'ignoranza della gente.

Paolo Pilleri. (Foto e Articolo)

L’Associazione Is Angelus di Sinnai in collaborazione con L’Unitalsi, l’Ente foreste R.S.e l’Amministrazione Comunale di Sinnai, organizza una giornata intera per arricchire il bagaglio di conoscenze delle persone con abilità diverse e poter godere delle bellezze della montagna. "Vivi la Montagna" vi porterà alla scoperta del meraviglioso parco di "Maidopis".

Ecco il Programma delle attività

MATTINA:

- Presso la Caserma “Ugo Noci” visita Museo del Cervo.

- Escursioni libere nei sentieri di Maitopis.

- Visita al giardino botanico e recinto dei cervi.

 ore 12,30 - pausa pranzo (Malloreddus, salsicciata, insalata, acqua o vino)

 costo del pranzo: 10 euro (è gradita conferma telefonica ai numeri  334/1525361 Tel. 339/2941385)

 POMERIGGIO:

 Momento di intrattenimento con Reverendo Jones

Per Maggiori info contattate l'Associazione is Angelus - Via Tiepolo n. 18 – 09048 Sinnai  (Ca)

Tel. 334/1525361 Tel. 339/2941385 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.isangelus.it

Approvata ieri in Consiglio Comunale la delibera sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio. Il documento, come introdotto dalla relazione del vicesindaco con delega al bilancio Alessandro Orrù, garantisce il pareggio di bilancio per l’anno in corso. L’amministrazione è riuscita a reperire i fondi per tutelarsi anche a fronte di probabili ulteriori tagli da parte dello Stato e in previsione di un esito negativo per quanto riguarda una causa relativa ad un esproprio del 1981, che andrà a sentenza in questi ultimi mesi. Critico il consigliere di opposizione Lobina, che elenca diversi progetti temporaneamente bloccati: “E’ necessario salvaguardare i conti di una amministrazione, ma bisogna anche avere la fantasia per portare avanti nuove idee”. Il consigliere Cocco a nome del PD rimarca la sofferenza di alcune scelte, giudicate però obbligate, e richiama la necessità di stralciare dall’adeguamento del piano urbanistico comunale al piano paesaggistico regionale le zone costiere di Torre delle stelle e Solanas, al fine di favorire l’edilizia, i servizi e le professionalità legate a questi settori. “In questo modo oltre a riqualificare le frazioni a mare, l’amministrazione avrà garantito un introito economico”, afferma il consigliere.

Per quanto riguarda i progetti già finanziati e “cantierabili” essi sono stati inseriti nel Piano Strategico Intercomunale, che raccoglie e integra tutti i progetti presentati dalle amministrazioni di Sinnai, Cagliari e Hinterland, e che verranno presentati in Consiglio Regionale, insieme alle delibere dei singoli consigli comunali. Sarà la Regione Sardegna a finanziare questi piani con i fondi europei. “Sinnai partecipa con diversi progetti” dichiara il sindaco Pusceddu “riguardanti la Pineta, la metropolitana leggera, l’anello stradale Sinnai-Settimo-Mara comprendente anche la pista ciclabile. “Il piano strategico, su mia richiesta” continua il sindaco “ rimarrà aperto ad ulteriori inserimenti di progetti che negli anni a venire saranno ritenuti necessari” Il dibattito in Consiglio si accende proprio sui progetti non inclusi nel piano strategico. Il consigliere Mallocci richiama l’attenzione sulla residenzialità, sulla farmacia comunale, sul bando Litus e sui 7 fratelli, chiedendo come mai non siano stati inseriti progetti, ottenendo rassicurazioni dal Sindaco sulla possibile integrazione futura. Venerdì 28 settembre la delibera verrà consegnata presso la sede del Consiglio Regionale.

I lavoro del Consiglio si sono aperti con la presentazione di numerose interrogazioni da parte dei consiglieri Zunnui, Podda, Lobina, Lebiu e Mallocci, cui il Sindaco dovrà dare risposta scritta.

Simone Caredda.

Politica, antipolitica, cultura democratica e Partecipazione (con la P maiuscola) 

Da qualche mese l’argomento dell’antipolitica è ricorrente in Tv, nei giornali e nei salotti, provocato dal risultato ottenuto dal Movimento 5 stelle, risultato inaspettato per chi ha perso il contatto con la società, e che per questa mancanza dialogo e per la paura di perdere le briciole di potere di cui si sente padrone mette in guardia dal pericolo dell’antipolitica e dai politici non professionisti. 

Tralasciamo il fatto che a livello nazionale i partiti e l’intero parlamento hanno rinunciato a svolgere il loro ruolo e ad assumersi le loro responsabilità, accettando e sostenendo un governo imposto dalla finanza, che meriterebbe un approfondimento per chiarire cosa si possa definire antipolitica. 

Gli elementi che evidenziano il distacco tra la società e i partiti sono molteplici, mi vengono in mente l’eliminazione delle provincie, le preferenze alle elezioni politiche, la riduzione (o meglio l’eliminazione) dei finanziamenti pubblici ai partiti, chiedere sacrifici ai cittadini senza rinunciare ai propri privilegi ecc. 

Personalmente penso che ignorare la volontà dei cittadini possa solo accentuare l’astio e l’avversione che già oggi hanno raggiunto livelli allarmanti, e che potrebbero avere un’evoluzione violenta (come sta già avvenendo in altre nazioni anche molto vicine). 

Sentirsi depositari della volontà popolare e gestire la cosa pubblica come fosse privata perché si sono vinte le elezioni, è lecito e assolutamente legale ed ha caratterizzato la vita politica del nostro paese per decenni, è il pensiero che ha prodotto il clientelismo, che ha provocato lo sperpero di denaro in opere inutili, l’utilizzo allegro e disinvolto di risorse e contributi pubblici, la smisurata crescita dei finanziamenti pubblici ai partiti e alla politica, e regalato denaro dei contribuenti e privilegi fiscali illeciti alle istituzioni religiose. 

Un modo per ristabilire un rapporto corretto tra partiti, amministratori e cittadini può essere quello di stimolare la partecipazione dei cittadini alla vita politica, ma questo significa che bisogna abbandonare la cultura della delega per avere un confronto continuo con i cittadini, confronto non significa solo illustrare le decisioni prese nelle riunioni chiuse e ristrette, ma decidere insieme ai cittadini quello di cui la città ha bisogno e come farlo. 

Un’amministrazione consapevole che la partecipazione dei cittadini è un elemento importante sia per l’amministrazione stessa che per l’intera comunità dovrebbe pensare ad un sistema e a strumenti adeguati (magari all’interno di un progetto complessivo di indirizzo e sviluppo) che garantiscano lo scambio reciproco di informazioni, idee, proposte tra cittadini e amministrazione e di dare l’opportunità all’amministrazione di illustrare i propri progetti, di arricchirli con il contributo della città,di aggiornare i cittadini sullo stato di attuazione di progetti e programma e avere il ritorno di come la città percepisce l’azione dell’amministrazione e del consenso dei cittadini sulle scelte operate. 

E’ stato attivato in questi giorni il nuovo sistema con cui i sinnaesi potranno chiedere chiarimenti e informazioni agli assessori e al sindaco.

Il nuovo sistema che ha sostituito il vecchio forum dà la possibilità ai cittadini di inviare comunicazioni ai singoli assessori e al sindaco, queste segnalazioni/richieste saranno vagliate dai singoli assessori che decideranno se rispondere o meno, e decideranno se pubblicarle. 

Una delle parti può evitare di rispondere a domande imbarazzanti, può rendere invisibili segnalazioni scomode critiche e lamentele, senza la preoccupazione che resti traccia delle segnalazioni e delle mancate risposte. 

Il sistema di comunicazione scelto dall’amministrazione di Sinnai distrugge il dialogo ed il confronto tra cittadini e amministratori, limita il dialogo alla richiesta di informazioni di interesse personale, escludendo i cittadini dalla partecipazione alle scelte e impedendogli di contribuire a migliorare la propria città, e priva l’amministrazione del prezioso contributo dei cittadini che non parteciperanno all’individuazione dei problemi, all’elaborazione di possibili soluzioni, proposte, e non daranno il loro contributo alle scelte nè forniranno uno stimolo e un sistema di controllo e monitoraggio dell’azione dell’amministrazione.

Il rapporto tra cittadino e amministrazione è svuotato di tutti gli elementi che possono provenire dalla comunità e stimolare positivamente l’azione amministrativa. 

Invece di un sistema che crea un rapporto paritario tra cittadini e amministratori si è scelto  un sistema a senso unico che invece di favorire la partecipazione dei cittadini alla vita politica e all’amministrazione della propria città aumenterà la distanza tra politica e cittadini e allontanerà cittadini più o meno giovani dall’impegno per la collettività (e dalla politica). 

Spero si tratti di uno scivolone a cui porre rapidamente rimedio, e che  questa scelta non scaturisca dal sentirsi “eletti” in senso biblico invece che politico, non c’è alcun bisogno di creare ulteriori barriere per separare chi ha e gestisce il potere da chi deve chiedere con riverenza, o rivolgersi all’amico dell’amico…

 E’  stata persa una occasione importante per l’attuale amministrazione, per l’intera città che avrebbe benefici da una amministrazione più efficiente ed efficace, e anche per ridurre la distanza tra cittadini e politica. 

Democrazia è partecipazione, la delega è antipolitica! 

Eros Campofiloni.

Load More

Ultime Trasmesse

Facebook

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!