I dati relativi al gioco d’azzardo in Italia interessano due tipi distinti di utente che abitualmente e per diversi motivi gioca. Da un lato abbiamo l’utente che preferisce, ancora una volta, effettuare il proprio gioco in un punto fisico. Cresce però il dato degli utenti che gioca ormai quasi esclusivamente in modalità online. Gli italiani tendenzialmente sono considerati un popolo di giocatori, e da quando il gioco è stato legalizzato e liberalizzato i dati fanno emergere realtà importanti dislocate sull’intero territorio nazionale. Nel corso dei giorni scorsi è stato pubblicato un interessante identikit che traccia un profilo del giocatore tipico, sia per quanto riguarda il gioco fisico sia per i giochi online, che grazie alla tecnologia legata ai dispositivi mobili, ha incamerato un nuovo tipo di giocatore.

Secondo l’osservatorio di Nomisma, Young Millennials Monitor, che crea sondaggi, attitudini e stili di vita dei giovani, possiamo avere una vera cartina tornasole del profilo dei giovani giocatori italiani. Tendenzialmente il giocatore giovane e italiano è del sud Italia, frequenta istituti professionali o tecnici, ed di base maschio. Ricorda per certi versi il profilo di chi nelle generazioni passate frequentava le sale giochi, dove però non c’era ancora la possibilità di giocare d’azzardo, per lo meno a livello legale.

Addentrandoci in questa analisi possiamo vedere come le influenze dei giovani giocatori provengano dalla famiglia, dagli amici e conoscenti e dal tessuto sociale. Sempre secondo questa interessante analisi, il giocatore si approccia per diversi motivi di tipo cognitivo. Curiosità, caso, divertimento e convinzione che vincere e vivere per il gioco sia semplice e divertente. Una percentuale molto bassa parla anche del fatto che siano le pubblicità e internet ad attirare verso il gioco. Di base però è nel tessuto sociale che bisogna trovare le cause del fenomeno scatenante del gioco. Quello che emerge da questo dato è relativo al fatto che in genere, chi gioca online è molto più responsabile e lo fa con cognizione di causa. Il motivo è probabilmente legato al fatto dell’accesso ai siti di gioco e alla registrazione con i propri dati. Soprattutto per i giovani millenials, il gioco fisico d’azzardo è casuale o legato a conoscenze esterne e familiari, e c’è una distinzione netta tra chi gioca online e chi invece si reca fisicamente in una sala da gioco. Il fenomeno del gioco oggi è poi ampliato dai centri di scommesse comunemente chiamati betting store. Il sito di scommesse on line britannico William Hill è conosciuto per la sua affidabilità e punta su un marchio conosciuto in tutta Europa, che ha saputo costruire nel tempo il suo nome grazie a una certa affidabilità e professionalità. Nel giro di affari delle scommesse conta tantissimo l’attenzione mediatica per i principali sport, tra cui calcio e Formula 1, che nel nostro Paese, assieme al MotoGp contano un numero davvero importante di appassionati. In particolare il calcio attira ogni settimana un numero di utenti davvero massiccio verso le scommesse, singole o a schedina multipla. Non solo campionato di A e B, ma anche Champions, Coppa Italia e campionati stranieri come Liga e Premier, sono le scommesse più ricercate e cliccate da chi abitualmente apprezza questo tipo di gioco.  


CREATIVE COMMONS

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!

Facebook

Pizzeria da Birillo

Web radio: le nuove frontiere amplificate della radio in streaming

webradio

L'evoluzione di internet ha inciso notevolmente sui cambiamenti della vita in generale sotto qualsiasi punto di vista e aspetto della quotidianità, soprattutto nel campo della comunicazione, dove ha veicolato in maniera più rapida tutte le informazioni ampliando a dismisura il raggio del suo campo d'azione.

I canali di comunicazione classici, come tv, giornali e radio, hanno dapprima subito un duro contraccolpo, in quanto le persone (trasformate in utenti) hanno preferito la velocità delle nuove tecnologie relative alla piattaforme online, ma in un secondo momento (soprattutto negli ultimi anni), anche le tecnologie classiche di comunicazione si sono adeguate alla rete multimediale, sfruttando internet come onda di diffusione globale.

Non poteva essere altrimenti per il mondo della radio, che ha trovato su internet la sua dimensione ideale per una trasmissione a livello globale senza barriere. 

Dall'etere a internet: la radio sbarca sul web

Proprio grazie a internet il valore delle radio è stato rivalutato dagli utenti, infatti, chiunque abbia a disposizione una connessione, un pc o uno smartphone, ha la possibilità di scaricare le app di una web radio specifica, oppure rivolgersi a software che consentono di ascoltare radio classiche in streaming e web radio situate in tutto il mondo. 

La differenza principale è che le radio classiche, quelle che operano da più anni utilizzando le frequenze radiofoniche dell'etere, hanno raddoppiato gli ascolti offrendo anche l'opzione del web, invece le web radio, sono totalmente nuove ed è possibile ascoltarle solo su internet. 

Lo streaming radiofonico ha consentito alle radio di sbarcare sul web e di tornare a un livello di gradimento alto da parte degli utenti, non a caso, uno smartphone somiglia molto alle vecchie radioline per la sua maneggevolezza, in più è in grado di raggiungere una vastissima gamma di frequenze, attraverso app e software. 

Come funzionano le radio in streaming 

Il meccanismo è molto semplice, le frequenze vengono codificate e messe a disposizione dei supporti hardware che possiedono una connessione internet, di conseguenza si è avuto anche un incremento notevole di emittenti.

 Non solo è possibile seguire qualsiasi radio in qualunque parte del mondo, ma risulta estremamente semplice anche creare la propria web radio con costi irrisori e una diffusione internazionale, almeno in potenza. 

Principalmente le web radio sono suddivise in tre principali categorie: amatoriali, professionali e in store. 

Le web radio amatoriali 

Questo è proprio il caso a cui abbiamo accennato sopra, ossia le radio nate grazie alle app e le piattaforme che consentono di costruire la propria emittente. Nella maggior parte dei casi si tratta di registrazioni o playlist, sono radio che si rivolgono ad un pubblico di nicchia, agli amici più stretti e molto spesso sono anche intervallate da spot pubblicitari che le piattaforme obbligano ad inserire. 

Le web radio professionali 

In questo caso, il riferimento diretto è alle radio che trasmettevano via etere e che hanno ampliato il potenziale d'ascolto anche sul web. Sono definite professionali perché possiedono un vero e proprio organico (speaker, registi, fonici ecc.) e un palinsesto specifico. Possono suddividersi in radio nazionali o locali

Web radio in store 

Questa categoria di radio è creata appositamente da brand e si riferisce ad un pubblico specifico che ama il marchio. La sua funzione è quella di pubblicizzare l'azienda e sono del tutto simili alle radio professionali. In generale le web radio in store vengono create attraverso un procedimento misto fra le radio professionali e quelle amatoriali.