Sabato 2 giugno, al colle di Sant'Ignazio, a pei e in notturna alla riscoperta di torri e fortezze militari, camminamenti sotterranei, belvederi panoramici e profumi della natura. Le associazioni Aloe Felice e Ambiente Sardegna, organizzano per sabato 2, "Escursionando Nottetempo al colle di Sant'Ignazio" nel promontorio di S.Elia alla riscoperta di torri e fortezze militari, camminamenti sotterranei, belvederi panoramici e profumi della natura.
I partecipanti,  dopo una leggera passeggiata si ritroveranno  alla Torre Reale di Calamosca, baluardo spagnolo ad oltre 50 metri di altezza.
Dopo aver lasciato la torre si intraprendera il sentiero alle piazzole che ospitavano le batterie antiaereo situate tra il faro ed il forte di Sant'Ignazio per visitare poi le gallerie sotterranee militari della seconda guerra mondiale.

Poi si prosegue al forte di S. Elia, posto a circa 94 metri, esempio di architettura militare di scuola Vaubaniana.

Durante l'escursione sarà possibile ammirare dei paesaggi incontaminati, il tutto immerso tra belvederi marini, le piante della macchia mediterranea e i profumi delle piante officinali ed endemiche come il timo, l'artemisia e l'unicità dell'iris planifoglia.

Una passillara da fare per riscoprire un microcosmo, dove storia, natura, ambiente si fondono in un unico scenario di suggestiva bellezza. Si consiglia abbigliamento comodo e pratico nonchè una pila. Appuntamento alle ore 20.00, in piazza Calamosca. Fine Tour: ore 23.00. Quota di partecipazione: 5 euro. I bimbi gratis.

Per adesioni e info: Gruppo Facebook - 340.360.23.65 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vista la situazione di emergenza del terremoto in Emilia, le reti cellulari vengono subito messe alla corda: le celle (che hanno una capienza limitata di utenti contemporanei) si riempiono e vanno in blocco. In questi casi avere a disposizione molte reti wi-fi libere in città è molto utile.
Le autorità ed i provider adsl consigliano di aprire le reti wifi sui router per renderla disponibile alle connessioni internet e voip. Infatti grazie agli smartphone/iphone è possibile comunicare via voip con programmi come indoona, skype, viber e altri.  Quindi qvi consigliamo di togliere la password di accesso alla propria connessione wi-fi casalinga e metterla quindi a disposizione della cittadinanza in momenti di emergenza come questo.
Sul libretto delle istruzioni del router è spiegato come. In genere si può accedere alle impostazioni del dispositivo digitando sul proprio browser l'indirizzo http://192.168.0.1, 192.168.1.254 o oppure http://192.168.1.1. Per le credenziali d'accesso (lo username generlamento è "admin") controllare il libretto di istuzioni o il dispositivo. Solitamente sono sempre "admin", "password" o "1234"  Nel menu di opzioni bisogna poi impostare la rete come "non protetta". Se non avete un manuale e non riuscite con questi indirizzi vi consigliamo di fare una bella ricerca su google scrivendo il modello del vostro router seguito da "configurazione wifi" troverete sicuramente delle guide utili, Se invece avete un modem "Tiscali" il provider mette a disposizione questa guida

Dal 21 maggio al 15 giugno, campagna informativa in 6 lingue per informare la popolazione sulla patologia, le modalità di contagio, i comportamenti a rischio, con possibilità di effettuare gratuitamente il test dell’epatite B in 15 città italiane presso uno dei laboratori aderenti all’iniziativa.

A Cagliari si potrà fare il test gratuitamente in 5 Laboratori.

L’epatite B è una delle malattie più diffuse al mondo: colpisce il fegato e quando si cronicizza può causare danni anche molto gravi.

Dal 21 maggio al 15 giugno 2012 in 15 capoluoghi italiani, i cittadini avranno la possibilità di eseguire gratuitamente il test dell’epatite B presso uno dei laboratori che aderiscono alla campagna “Epatite B: usa la testa, fai il test”. Per usufruire del test gratuito sarà sufficiente prenotarsi tramite il Numero Verde 800 027 325 o online, al sito www.epatiteb2012.it, nel quale sono fornite tutte le informazioni sulla patologia e la mappa con i Centri analisi disponibili.

L’iniziativa è promossa da quattro società scientifiche: AISF, Associazione Italiana per lo Studio del Fegato, SIGE, Società Italiana di Gastroenterologia, SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), con il supporto di FederANISAP, Federazione Nazionale delle Istituzioni Sanitarie Ambulatoriali Private e il contributo incondizionato di Bristol-Myers Squibb.

Due gli obiettivi della campagna: incrementare nella popolazione la consapevolezza della malattia e dei fattori di rischio di contagio, e incentivare l’esecuzione del test tra le categorie a rischio, coinvolgendo anche la popolazione migrante residente in Italia, proveniente da Paesi in cui tuttora non esiste l’obbligo del vaccino.

L’infezione dà segni di sé solo quando si sono già prodotti danni epatici gravi: come sottolinea Gianfranco Delle Fave, Professore ordinario di Gastroenterologia dell’Ospedale Sant’Andrea, La Sapienza Università di Roma, «quando si produce la diagnosi di HBV l’infezione è già cronicizzata, cioè la malattia è già avanzata e si sono già determinati dei danni: la gran parte dei soggetti con infezione cronica da epatite B non presenta alcun sintomo, tuttavia sono perfettamente in grado di trasmettere la malattia».

Oltre 700mila persone in Italia sono affette da epatite B cronica: di queste, almeno la metà non sa di aver contratto l’infezione. Il virus dell’epatite B (HBV) è 100 volte più contagioso dell’HIV ed è in grado di sopravvivere fuori dall’organismo, rimanendo infettivo, per almeno 7 giorni. La maggior parte dei contagi avviene mediante rapporti sessuali non protetti o scambio di siringhe o aghi contaminati, ma anche attraverso la condivisione di spazzolini da denti o rasoi e con l’utilizzo di strumenti non sterilizzati per piercing e tatuaggi.

Nell’80% dei casi l’infezione si risolve spontaneamente, ma in circa il 20% dei casi evolve in una forma cronica estremamente pericolosa e che comporta un rischio maggiore del 15-20% di morire prematuramente per cirrosi ed epatocarcinoma.

Vaccinazione, test e conoscenza dei fattori di rischio permettono di arginare il contagio. «La vaccinazione, la presenza di terapie efficaci che inibiscono la replicazione del virus, il miglioramento delle condizioni igieniche e sanitarie sono fattori che hanno determinato in Italia un abbassamento drastico della prevalenza da infezione da HBV» – dichiara Paolo Caraceni, Segretario AISF, Associazione Italiana per lo Studio del Fegato - «da zona ad alta endemia, l’Italia è diventata regione a bassa endemia, con una prevalenza di portatori del virus inferiore al 2%, concentrata nelle fasce d’età over 30-40».

L’opportunità di usufruire del test gratuito sarà portata alla conoscenza anche dei cittadini stranieri residenti in Italia, in particolare quelli provenienti dall’Est Europa: la Campagna, infatti, oltre all’italiano, parlerà inglese, rumeno, albanese, ucraino e polacco.

«Si stima che i portatori del virus di origine non italiana siano circa 300mila: persone non trattate, provenienti da zone ad alta endemia come Europa orientale, Africa sub-sahariana e Cina, portatori del virus cosiddetto “selvaggio” (wild type), che hanno anche genotipi differenti da quello che abitualmente circola in Italia, cioè il genotipo D, e che, per vari motivi, non si sottopongono facilmente a esami di laboratorio», rileva Orlando Armignacco, Presidente SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali.

Per favorire la diagnosi, il medico di medicina generale svolge un ruolo fondamentale: «è importante che i cittadini si rivolgano al dottore che conoscono da tanti anni con grande libertà e tranquillità» sottolinea Claudio Cricelli, Presidente SIMG, Società Italiana di Medicina Generale «chiedendogli quali siano i comportamenti e le situazioni che possono esporlo al rischio e magari fornendo maggiori dettagli, nella sicurezza che la loro privacy non sarebbe violata, anzi conservata e rafforzata».

La presenza del virus dell’epatite B viene accertata attraverso un semplice esame del sangue, che può essere eseguito a digiuno o anche a stomaco pieno, e che serve a ricercare il “marcatore” dell’infezione, l’HBsAg (Hepatitis B Surface Antigen): si tratta dell’antigene di superficie dell’epatite B, anche conosciuto come antigene Australia.

«Ciascun laboratorio s’incaricherà di effettuare l’esame, di verificare e controllare il dato analitico, nella piena garanzia della privacy dell’utente e della qualità del processo, e di rendere disponibili i risultati nel giorno indicato»sottolinea Vincenzo Panarella, Presidente FederANISAP, «Rispetto ai benefici in termini di conoscenza e di tranquillità, il disagio che tale test comporta è davvero nullo».

La campagna “Epatite B: usa la testa, fai il test”, coinvolgerà dal 21 maggio al 15 giugno 2012 le seguenti città: Milano, Brescia, Bergamo, Padova, Torino, Reggio Emilia, Pisa, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Foggia, Cagliari, Messina e Palermo.

Torna per la sua 16^ edizione NordSud in Musica, importante rassegna di musica etnica organizzata dal comune di La Loggia (TO) insieme con l’Assessorato alla Cultura e la Biblioteca Civica. Il festival si terrà dal primo giugno al 25 luglio presso Piazza Cavour e tutte le iniziative sono ad ingresso libero, con orario di inizio spettacoli alle ore 21,30.

Di seguito gli artisti e la descrizione degli eventi in cartellone. 

IRENE FORNACIARI – Venerdì 1 Giugno – Reduce dal successo dell’ultimo Sanremo con il brano “Grande Mistero”, scritto per lei dal cantautore Davide Van De Sfroos. Figlia d’arte, inizia la sua carriera di cantante con il padre, Zucchero, poi collabora con diversi artisti stranieri e italiani tra cui i Nomadi, Mietta e Gatto Panceri.

GINEVRA DI MARCO – Sabato 2 Giugno – Cantante che vanta  collaborazioni con i CSI, Max Gazzè e Marlene Kuntz, lascia i PGR per seguire la sua carriera solista e inizia la sua ricerca fra i canti dal margine della Storia, un mondo profondo e dimenticato. Arrangiamenti e rivisitazioni (realizzati con il fondamentale apporto di Francesco Magnelli) volti a coinvolgere il pubblico con il calore ed il sapore delle feste di paese, delle danze, della musica cantata dalla gente. 

LOU TAPAGE – Domenica 3 Giugno – Gruppo folk italiano nato nel saluzzese e nell’occitana Val Varaita. Le loro canzoni sono caratterizzate dall'uso nei testi di lingue quali il catalano, il provenzale e l'occitano. La musica, come sempre nello stile del gruppo, è una continua ricerca di equilibrio tra qualità sonora e impatto emotivo con strumenti quali il violino, l’organetto, il flauto traverso e la cornamusa come cardine della loro produzione. 

MODENA CITY RAMBLERS – Lunedì 4 Giugno – Gruppo italiano nato nel 1991, autodefinisce il proprio genere musicale come combat folk, dichiarando sin dall'esordio un amore incondizionato per il folk irlandese, le cui sonorità rimangono anche dopo l'influenza di altri generi, in particolare il rockcon contaminazioni punk. Caratteristica principale è l’utilizzo di brani strumentali della tradizione popolare (irlandese, scozzese, celtica e poi anche klezmer, balcanica, italiana) come basi per loro brani, come riff o come assolo. 

MARCO&MAURO in “Badola” – Sabato 9 Giugno – Il duo di comici torinesi, finalisti nella prima edizione de LA SAI L’ULTIMA , su Canale 5 come barzellettieri e poi ospiti fissi nello stesso programma dal ’93 al ’95 nella veste dei Carabinieri, torna con lo spettacolo “Badola”, cabaret in dialetto piemontese. 

DIK DIK – Sabato 16 Giugno – Gruppo storico del pop-beat-rock italiano, i Dik Dik esordiscono nel ‘65 e vantano l’assidua collaborazione con Lucio Battisti e il paroliere Mogol. Di grande successo i loro 45 giri come l’intramontabile “L’isola di Wight”, portata al Festival di Sanremo del 1970.

The man who sold the world. L’Italia di Andrea Pazienza. – Venerdì 22 Giugno – Per la rassegna “Le voci del tempo”. 

CARTONI IN FACCIA – Sabato 23 Giugno – Tributo colonne sonore 

Il mio nome è Joe Roberts. L’America di Bruce Springsteen. – Giovedì 28 Giugno – Per la rassegna “Le voci del tempo”. 

KINDS OF MAGIC – Venerdì 29 Giugno – Band tributo ai Queen 

ASIA NOMADI COVER BAND – Sabato 30 Giugno – Cover band dello storico gruppo 

GIULIANO E I BARONI – Sabato 21 Luglio – Serata danzante 

FIORENZA LELLI – Domenica 22 Luglio – Serata danzante 

ONDA SFERICA – Mercoledì 25 Luglio – Band tributo ai Pink Floyd 

INFO: 0119627047 L'altoparlante www.laltoparlante.it - www.facebook.com/laltoparlante

Le associazioni Aloe Felice e Ambiente Sardegna, organizzano domenica 27 maggio, "Ajò, al Poetto - La Passillara della Felicità/ Happy Beach Walking". La passillara della Felicità, partirà alle alle ore 09.00, da Marina Piccola, lungo la battigia della spiaggia del Poetto di Cagliari, in un percorso complessivo di 5 chilometri. (la Manifestazione inizialmente organizzata per il 20 è stata rinviata per l'allerta maltempo)
"Ajo', a su Poetto....", si propone in questa solare passeggiata domenicale, la riscoperta della spiaggia dei Cagliaritani e delle "fermate", luoghi dei mitici casotti ma anche di storie, emozioni, sentimenti, incontri d'amore e anedotti casteddai nonchè ricordare lo scrittore Giuseppe Podda, autore della pubblicazione "Ajò, a su Poettu", ma anche Sergio Atzeni, Antonio Romagnino, Massimo Carlotto, Vito Biolchini,  Elio Arthemalle e tanti altri che hanno decantato, trascritto e illustrato "Su Poettu..". 
L'itinerario lento e consapevole, riassaporando senza fretta le meraviglie naturali, raccontera  il "c'era una volta gli stabilimenti balneari del Lido e del D'Aquila e della Cagliari Estiva" nonchè storie di trucidi pirati, torri spagnole, battaglie navali, invasioni francesi, foschi misteri e tesori sommersi tra scorci panoramici e orizzonti marini. 
Sarà l'occasione in questa  "Happy Beach Walking" di riscoprire il Poetto di Cagliari , un evento aperto a tutti  e in particolare le famiglie e i bimbi e ritrovare il benessere fisico e mentale in una passillara a pei, in riva al mare, lenta, alternativa,  salutare, multicolore, gioiosa e felice. 
Testimonial: il giornalista Antonio Lai e la Rassegna Stramba e i Punkillonis.
Istruttrice e animatrice Beach Walking: Valentina Ligas. 
Si consiglia abbigliamento balneare, capellino, bottiglietta d'acqua e portare palloncini colorati, aquiloni intrepidi e indossare collane di benvenuto Hawaiane.  
All'arrivo alla torre spagnola, verrano donati delle stampe dell'artista Filomena Cambula, al piu' piccolo partecipante e a quello piu' anziano poi  foto di gruppo,  abbraccio collettivo, liberazione dei palloncini colorati in cielo e tuffo generale nel mare cristallino del golfo degli Angeli. Aderiscono Amici di Sardegna, Fare Verde, Cavità Cagliaritane e tutti gli spiriti liberi e visionari.
Siete i benvenuti. Siate tantissimiiiiiii  Ayò, a su Poettu. Eja. Appuntamento domenica 20, alle ore 09.00 all'anfiteatro di Marina Piccola - Partenza: ore 09.30. Fine passillara ore 12.30/13.00.
Quota di partecipazione: 5 euro. I bimbi non pagano.
 La quota servira ad autofinanziare il prossimo convegno dell'associazione Aloe Felice intitolato: "ALOE - CHI E' FELICE SI AMMALA DI MENO".
Per info e adesioni: 3403602365 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. FB/ Associazione Aloe Felice

Domenica 20 Maggio 2012 a Nuoro il Servizio Regionale della Pastorale Giovanile, composto dai responsabili diocesani di pastorale giovanile, dalle loro equipe, dagli animatori diocesani del progetto Policoro e dai rappresentati di tutti i gruppi e movimenti ecclesiali presenti in Sardegna (Azione Cattolica, AGESCI, Comunione e Liberazione, Meg, Rinnovamento nello Spirito, GiFra, Movimento dei Focolarini, MGS, ANSPI, Comunità Gesù Ama, UNITALSI) offre l’opportunità di un raduno regionale per tutti i giovani. Questo evento, per il quale prevediamo la partecipazione di oltre 3000 giovani, ci riempie di emozione e gioia consapevoli che sarà una importante tappa per i cammini diocesani e per quello regionale, di tensione e attenzione verso coloro che sono il presente e il futuro della società e della Chiesa. Al contempo risulta essere una sfida e un’opportunità per il cammino di comunione che non solo le giovani generazioni, ma la Chiesa tutta è chiamata a compiere alla sequela di Gesù Maestro.

La giornata sarà articolata in quattro momenti:

• Il pellegrinaggio al Monte Ortobene, al mattino, renderà omaggio alla statua del Redentore nel giorno in cui celebriamo l’Ascensione del Signore. La Via Lucis, con la quale celebreremo i misteri di gioia della risurrezione di Gesù, accompagnerà il nostro pellegrinaggio e sarà animata dai giovani di tutte le Diocesi Sarde. Il testo che utilizzeremo è stato scritto dalle suore clarisse di Oristano e da quelle di Iglesias con la collaborazione della consulta regionale dei giovani.

• Il pomeriggio in festa, dalle ore 16 alle ore 18, avrà come gradito ospite Andrea Carretti dell’Hope Music del servizio nazionale per la Pastorale Giovanile. A lui abbiamo chiesto di condurre questo momento facendo da filo conduttore tra gli interventi musicali degli OverGen di Macomer e di altri gruppi che si succederanno sul palco. Il tema conduttore “Il coraggio di essere giovani” permetterà al pubblico di sentirsi protagonista del pomeriggio di animazione.

• La Messa, alla presenza dei Vescovi Sardi, sarà animata da un coro interdiocesano e dall’intervento dei giovani rappresentativi di tutte le Diocesi.

• Il Musical "Il Risorto" (di Daniele Ricci) realizzato dal gruppo Jesus in Music della Pastorale giovanile di Ales-Terralba, andrà in scena a conclusione della giornata, dopo la cena al sacco e un momento di relax.
Questi quattro passaggi che costituiscono la giornata si snoderanno attraverso il seguente dettagliato programma:
ore 9,00: arrivo e accoglienza presso la Chiesa della solitudine
ore 10,00: partenza per il monte Ortobene
ore 12,00: arrivo sul monte e omaggio alla statua del Redentore
segue il pranzo e il trasferimento autonomo presso l’anfiteatro. Lo spostamento dal Monte avverrà in pullman, seguirà un “corteo spontaneo” da P.za Italia sino all’anfiteatro.
ore 16,00: animazione e festa guidate da Andrea Carretti
ore 18,00: celebrazione dell’Eucaristia
ore 20,30: musical “il Risorto” a cura del gruppo Jesus in Music della Diocesi di Ales-Terralba
ore 22,00: saluti e partenze
Entro lunedì 14 Maggio dovranno pervenire ai responsabili diocesani di pastorale giovanile le conferme delle iscrizioni e le relative quote. I partecipanti riceveranno una sacca del pellegrino che conterrà un foulard colorato con il logo della giornata, il pass e il libretto per le celebrazioni.

La cantante Donna Summer è morta all'età di 63 anni dopo una lunga battaglia con il cancro. Lo riporta il sito di gossip Tmz. 
Donna Summer sarebbe morta - aggiunge il sito - questa mattina in Florida. La cantante, vincitrice di cinque Grammy e interprete di grandi successi dance negli anni '70, era malata di cancro ma stava combattendo la malattia. Secondo Tmz, alcune persone che hanno avuto contatti con la star nelle ultime settimane avrebbero riferito che non sembrava stare molto male. Donna Summer, nonostante la malattia, stava cercando di terminare l'album al quale stava lavorando.

Vincitrice di 5 Grammy Awards, negli anni '70 la Summer  era diventata una vera e propria superstar grazie a successi iconici  come "Last Dance", "Hot Stuff" e "Bad Girls". Il suo successo è proseguito negli anni '80 con "She Works Hard for the Money" e "This  Time I Know It's for Real." La cantante e il suo produttore Giorgio Moroder hanno segnato  un'epoca e un genere, quello della dance appunto, influenzando anche  artisti del calibro dei Duran Duran e di David Bowie. La cantante  aveva sposato nel 1980 il cantante dei Brooklyn Dreams, Bruce Sudano,  da cui ha avuto due figlie.

Load More

CREATIVE COMMONS

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!

Facebook

Pizzeria da Birillo