Sale l'attesa per il terzo concerto in terra sarda di Sting. Dopo le esibizioni allo stadio di Sassari nel 1994 e all'Anfiteatro romano di Cagliari nel 2001, l'ex cantante dei Police presenterà il 26 luglio alla Forte Arena di Santa Margherita di Pula i brani del suo ultimo album, “44/876”.

Gli altri appuntamenti italiani: 28 luglio Roma, Auditorium Parco della Musica; 29 luglio Verona, Arena; 30 luglio Napoli, Etes Arena Flegrea e 1 agosto Taormina, Teatro Antico.

Compositore, autore, attore, Gordon Matthew Sumner, in arte Sting, è nato in Inghilterra, a Newcastle, nel 1951. Fin dalla gioventù dimostra un talento innato per la musica. Mastica un po' di pianoforte, inizia a suonare la chitarra e il basso elettrico e si innamora del jazz. In breve tempo formerà la sua prima band, i "The Phoenix Jazzplayers". Proprio ai tempi dei Phoenix nasce il soprannome “Sting”.

Scelto il nome d'arte, il ragazzo di Newcastle entra in altre formazioni jazz come i "The Riverside Men" e nella "Newcastle Big Band" prima di lasciare l'ensemble con tre musicisti e fondare i "Last Exit" di cui è il leader e cantante.

I “Last Exit” ottengono un buon successo e decidono nel 1976 di trasferirsi a Londra in cerca di un contratto discografico. È in questo periodo che Sting conosce il chitarrista Andy Summers e il batterista Stewart Copeland, rimasto impressionato dalla presenza del cantante – bassista durante un esibizione con i Last Exit.

E qui inizia la leggenda. Copeland convince Sting a fondare i Police con il chitarrista Henry Padovani. Dopo poco tempo lo stesso Padovani viene sostituito da Andy Summers. Nasce così un power trio destinato a cambiare la storia della musica degli anni '70 e '80.

"Outlandes D'Amour", "Reggatta De Blanc", "Zenyatta Mondata", "Ghost in the machine", "Syncronicity" sono i nomi dei capolavori scritti dai 3 e che hanno influenzato generazioni di musicisti negli anni a seguire.

Tra il 1985 e il 1986 Sting decide di intraprendere la carriera solista. Il primo lavoro senza i Police è “The Dream of the blue turtles” ed è ancora legato al jazz benché contenga due perle “pop” come "If You Love Somebody" e "Russians". Un disco a suo modo storico e che sarà la base fondante del successivo doppio live "Bring on the night".

Il secondo atto dello Sting solista è invece "Nothing like the sun". Le atmosfere si fanno più malinconiche e sognanti e dal disco escono gemme come "They dance alone" e "Fragile”, diventata in breve tempo un classico del repertorio.

Bisogna attendere il 1991 per assistere all'uscita di due album completamente autobiografici. Il primo è "Soul cages", trainato dalla Hit "All this time", il secondo è "Ten summoner's tales", contenente 3  indimenticabili successi come "If I ever lose my faith in you", "Fields of gold" e “Shape of My Heart”, uno dei brani musicali dedicati al mondo del gaming entrati nella storia. Ma soprattutto tre brani che saranno imprescindibili in ogni esibizione live degli anni successivi.

Dopo anni intensi passati tra produzioni discografiche, colonne sonore e ottime prove da attore, Sting pubblica nel 1996 “Mercury Falling”, un lavoro irrequieto e nervoso che segna una svolta rispetto alle opere precedenti e che rappresenta il punto di partenza per “Brand new day”, il capolavoro del '99.

Con Brand new day il musicista inglese si da alla sperimentazione più pura e miscela con abilità stili all'apparenza inconciliabili come il canto gregoriano medioevale, il pop africano e la musica country americana.

Sarà l'inizio dell'era più “sperimentale” di Sting. Nel 2003 esce “Sacred love”, album che contiene collaborazioni con artisti hip-hop e con la figlia di Ravi Shankar, il maestro di sitar indiano. Il 2006 è invece l'anno di “Songs from the Labyrinth”, disco per voce e liuto scritto a quattro mani con Edin Karamazov.

Il biennio 2009-2010 sarà estremamente prolifico. Nel 2009 Sting pubblica “If on a Winter's Night” e nel 2010 Symphonicities, un nuovo lavoro in cui vengono riarrangiati pezzi dei Police e del repertorio solista con la collaborazione della Royal Philharmonic Orchestra.

Dopo disco uscito nel 2016 “57th & 9th”, lavoro che segna per l'artista un ritorno al pop/rock dopo oltre un dieci anni, Sting è tornato in questo 2018 con un lavoro scritto a quattro mani con Shaggy. Un album, 44/876, anticipato dal primo singolo "Don't Make Me Wait" che vuole celebrare uno dei generi più amati dall'artista inglese, il reggae.

Dopo il grande successo delle tre precedenti edizioni,  Radio Fusion e la Proloco Sinnai con il supporto tecnico di Servizi Stampa Audio Visivi di M.Cocco ed il patrocinio del Comune di Sinnai organizzano la quarta edizione di "Solanas Got Talent". Lo spettacolo che avrà luogo la sera del 13 Agosto 2018 si svolgerà sulla scia del fortunato programma televisivo e vedrà come protagonisti sul palco: cantanti, attori, musicisti e chiunque si senta un artista in grado di mostrare le proprie doti davanti al pubblico. La serata avrà luogo nella piazza "Madonna della Fiducia" a partire dalle 21.30 e sarà presentata da Matteo Rubiu e Michela Portas con la regia di Marco Shoot ed il supporto di una giuria di esperti che valuterà le varie esibizioni. Gli artisti più bravi e simpatici riceveranno dei premi messi a disposizione dagli sponsor della manifestazione. Tanti i premi in palio che sveleremo nei prossimi giorni (per partecipare come sponsor e mettere a disposizione dei premi per i nostri partecipanti scrivete alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Per partecipare al Solanas Got Talent è possibile iscriversi attraverso le seguenti modalità:

inviando un messaggio facebook (tramite la pagina di Radio Fusion www.facebook.com/radiofusion

inviando un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

o un messaggio tramite whatsapp al numero 3472533623

In tutti i casi indicare: nome, cognome, numero telefonico e tipo di esibizione nel dettaglio (esempio: canto - titolo canzone, ballo - brano da ballare).

Le iscrizioni sono gratuite ed aperte a tutti, singoli, coppie o gruppi, bravi e meno bravi, l'importante è partecipare!

Durante tutta la manifestazione proietteremo su megaschermo le foto della mostra fotografica di Solanas Ieri e Oggi. Tutte le attività commerciali che volessero partecipare come sponsor, possono contattarci agli stessi recapiti. 

 

Gioco legale in Italia: quando l'online cresce a dismisura l'utente ha bisogno di consigli

I dati dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli descrivono bene lo scenario del gioco legale in Italia. L'elaborazione dei dati, di cui forniamo il documento – Gioco legale in Italia – è stata curata in collaborazione con la SOGEI. I dati si riferiscono alla raccolta (insieme delle puntate effettuate dai giocatori), alle somme vinte dalla pluralità dei giocatori, alla spesa, ovvero alla somma persa dai giocatori che viene ricavata per differenze tra vincite e raccolta, agli introiti erariali (imposizione fiscale) e al fatturato del settore del circuito legale nel decennio compreso tra il 2006 e il 2016. I numeri palesano la crescita costante che ha interessato il comparto degli apparecchi da gioco negli ultimi 10 anni. La raccolta: da ciò che viene mostrato nel documento, nel 2016, in Italia, la raccolta del circuito del gioco era di 96,14 miliardi di euro contro i 34,71 miliardi registrati dieci anni prima. Una crescita del 176%. Le vincite: l'ammontare delle vincite registrate nel 2016 rasentava i 77 miliardi di euro contro i 22 miliardi registrati nel 2006. Una crescita del 238%. La spesa: la raccolta meno le vincite, ovvero la spesa dei giocatori, ha raggiunto, nel 2016, 19 miliardi di euro contro gli 11 miliardi del 2006. Una crescita del 63% dal 2006 e del 12% su scala annuale. L'erario: l'imposizione fiscale sui giochi ha toccato, due anni fa, i 10 miliardi di euro contro i 6,7 miliardi generati nel 2006. Una crescita del 55,35%. Il fatturato: dodici anni fa, nel 2006, il fatturato del settore legale toccava i 5,3 miliardi di euro contro i 9 miliardi registrati nel 2016. Un aumento del 73% del fatturato.

Contestualmente cresce anche il settore virtuale

Uno sviluppo del genere si è osservato anche nel comparto dei giochi a distanza, i quali sarebbero cresciuti del 23% su base annuale dal 2008. Nei primi mesi del 2018, si è registrato un aumento del 33% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si tratta di cifre da record che si riferiscono alla spesa delle puntate effettuate sulle piattaforme digitali dei casinò online regolarmente autorizzati all'erogazione dei giochi a distanza.

Le slot machine in Italia

Le slot machine sono state introdotte all'interno degli esercizi pubblici nel 2003, fino allo sblocco del gioco online avvenuto nel 2011 con il Decreto n.138/2011. Inserite all'interno dei casinò online nel 2013, le slot machine digitali sono entrate progressivamente nel tessuto sociale italiano, piacciono ad un pubblico più eterogeneo e mediamente più giovane, avvezzo all'utilizzo degli strumenti digitali, ma altrettanto tenace. L'88% dei casinò online è composto dalle slot machine che stanno gradualmente raggiungendo vette quasi incomparabili nel settore del gambling online. Una superiorità che emerge dalle stime relative al volume del mercato e che sembra destinata ad affermarsi attraverso l'introduzione di nuove app per slot all'interno di un mercato che sta trovando la sua naturale trasposizione dall'online al mobile, il quale ha registrato il 50% dei consensi da parte del pubblico. Ma in un mercato digitale saturo di slot machine come fa un giocatore ad individuare quella vincente? Una buona slot è una slot vincente, ma, in termini tecnici, quali sono gli aspetti di una slot online che un utente deve valutare per decidere qual è quella giusta?

Criteri per la scelta di una slot machine online

Come per ogni altro gioco fruibile in rete, il taglio grafico del portale può fare la differenza in termini di usabilità, così come l'accessibilità di una piattaforma di gioco rispetto ad un'altra. Al di là di questi fattori, la cui valutazione varia a seconda dei gusti e delle capacità dell'utente, andiamo a capire meglio come ci si può orientare in questa giungla di slot digitali.

Le linee di pagamento

Prima di cimentarsi nella scelta della giusta slot, occorre comprenderne il funzionamento. Una slot online è sostanzialmente composta da linee e rulli. Le linee vengono definite “linee di pagamento” perché, generandosi casualmente, vanno a formare la payline. I rulli consistono invece in un insieme di figure che, ruotando in senso verticale, si vanno ad accostare ad altri rulli. Si prenda in esempio una slot a quattro rulli: nel caso uscissero quattro simboli uguali allineati sulla stessa retta, si avrebbe un esempio di payline dritta. Le linee di payline possono essere anche diagonali o spezzate, a seconda del tipo di slot machine. Solitamente, le slot presentano tra le 20 e le 25 payline, ma in alcuni modelli si arriva anche 100. Prima di scegliere la slot è quindi consigliabile scrutare la “payout table” e valutarne le probabilità di vittoria.

La varietà

La varietà proposta dai bookmaker è un fattore spesso determinante ai fini di un divertimento sicuro, al riparo dai rischi. Tra i concessionari di rete, a guidare la classifica delle slot online è lo storico operatore italiano Snai, attivo nel mercato nostrano dal 1990. I giochi slot proposti da Snai hanno la particolarità di distinguersi per i vari filtri impostabili, che consentono all'utente di sceglierne le funzionalità (categoria, volatilità, ecc). Tra i produttori presenti nel mercato, occorre scegliere quelli il cui nome è già una sorta di garanzia e la cui offerta è tra le più vantaggiose: Snai ad esempio, offre una promozione di benvenuto sui giochi slot tra le migliori d'Italia, con un bonus senza deposito per giocare gratis dopo la convalida del conto gioco (con documento d'identità) ed un bonus rimborso previsto per la prima ricarica.

Le funzionalità

Oltre ai bonus, anche le funzionalità delle slot sono importanti: si può scegliere tra la cascata o i rulli ad esempio, due sistemi diversi che offrono due modalità di gioco distinte. Esistono poi ulteriori aspetti da valutare, tra cui la presenza di bonus game che consentono di ottenere delle vincite extra grazie alle varianti di gioco: slot particolari, note come free spins, che permettono di vincere dei giri omaggio aumentando le possibilità di vittoria; il jackpot complessivo con il quale si può vincere l'intero ammontare; il jackpot progressivo che aumenta con le giocate di tutte le slot online e che coinvolge giocatori da ogni parte del mondo che contribuiscono ad innalzare il montepremi.

L'RNG

L'RNG - Random Number Generator - è un generatore casuale di sequenze di numeri che serve a garantire la totale casualità del sistema, ricreando le normali condizioni di gioco. Ogni casinò online funziona sulla base dell'algoritmo RNG: slot online, tavoli da poker, casinò games e così via. Si tratta di un parametro essenziale affinché il gioco possa considerarsi equo e corretto. Il meccanismo, che implementa la casualità al 100% nell'ambiente virtuale è promosso dai Monopoli dello Stato che vigilano anche sul suo corretto funzionamento.

Conclusioni

Dal 1895, l'anno dell'invenzione della prima slot machine, l'universo delle slot si è evoluto ed è diventato alla portata di tutti. Dalle tante varietà di gioco offerte dal circuito online, sono aumentate anche le difficoltà per gli utenti. Anche per questo, affidarsi ad un concessionario come Snai che ha come obiettivo quello di guidare gli scommettitori con informazioni trasparenti, strumenti di tutela, consigli e curiosità è la scelta più intelligente per approcciare alle prime puntate senza rischiare un centesimo.

Su Radio Fusion siamo nostalgici, adoriamo il suono dei ricordi della musica dance anni 90 e 2000. 

Ti piace la Musica dance anni 90 e di inizio millennio? Quella che suonavano quelle radio che ora non ci sono più? Dal Lunedì al Venerdì dalle 19.00 arriva l'Everyday Revival, un ora con, hit ma anche tante rarità che hanno fatto storia dal 1990 al 2004!! 

Playlist DANCE ANNI 90DANCE ANNI 2000

La Musica Dance ogni ora su Radio Fusion. Prima degli spot, torniamo negli anni 90 con il disco club 90 - Andremo a riascoltare le più belle canzoni degli anni 90 rispolverate dal nostro dj Severino. 24 h su 24 solo su radiofusion.it

 

L'usignolo del Whistle Register

Mariah Carey è un'icona impareggiabile nel panorama musicale americano e mondiale, con oltre 200 milioni di dischi venduti e un patrimonio personale di circa 520 milioni di dollari. Hanno provata ad imitarla in tanti da Beyoncé a Justin Bieber, alla stessa Lady Gaga, ma nessuno c'è mai riuscito completamente, ma torniamo alle sue origini. Mariah Carey, detta Mimi, è nata ad Huntington nel 1969 nella Contea di Suffolk, all'interno dello stato di New York e sin dal liceo si appassiona a tutte le discipline artistiche tra cui la musica, tanto che inizia presto a comporre e scrivere canzoni. Considerata la vera regina del Whistle Register, che è il livello tonale più alto dell’estensione umana, una sorta di registro vocale fischiato, verrà soprannominata SongBird Supreme. Per un ventennio, grazie alla sua voce inconfondibile e al suo talento raro di arrivare senza sforzo alle 5 ottave per poi riscendere in tonalità più calde, ha spopolato sulla scena musicale hip hop e R&B. La prima ad accorgersi di questo talento è stata la Columbia records, che ha puntato tutto sulla cantante, investendo subito un milione di dollari per la promozione del suo primo disco e mettendo Mariah in competizione con Madonna e Whitney Houston, che collaboravano invece con case discografiche concorrenti.

Una discografia da vera regina

Tra i suoi album memorabili ricordiamo Vision of Love ed Emotion, uscito nel 1991, che le ha permesso di conquistare i dischi d'oro e di platino sia in Europa che negli Stati Uniti. Tra il 1993 e il 2005 escono gli album Music Box, Daydream, Butterfly, Rainbow, Glitter, Charmbracelet e The Emancipation of Mimi, che segna la fine di un periodo di crisi profonda vissuta dalla cantante. La sua carriera discografica le ha permesso di superare diversi record, tra cui il più importante è quello relativo alle vendite di dischi, grazie anche al supporto della sua band. In questi ultimi ultimi anni anche la regina del Whistle Register si è lasciata incantare dalla magica ed esclusiva Las Vegas, che oltre al gioco d'azzardo ospita artisti di calibro internazionale e organizza spettacoli da mille e una notte. Una delle location più utilizzate per i super concerti è il Colosseum, che si trova all'interno dell'hotel Caesars Palace e che ha reso Mariah Carey, secondo la classifica all'interno dell'infografica di Betway Casinò, la terza star a guadagnare di più nella città del peccato. Questa diva viene preceduta solo da Celine Dion, che ha raggiunto più di 229.086,433 $, e Britney Spears, a quota 132.450,099 $. Con 50 spettacoli dal vivo l'usignolo si è portato a casa in soli due anni di permanenza a Las Vegas la cifra da capogiro di 23.912,616 $, con una media di guadagno a concerto pari a 478.252 $! L'intrepida regina si è poi concessa a Capodanno 2018 una capatina a New York per cantare a Times Square e si esibirà in Europa in una sola data, il 24 agosto a Blackpool nel Regno Unito, per poi tornare definitivamente nella sua residenza a Las Vegas.

Non tutto è oro quello che luccica

Se la carriera di Mariah Carey appare radiosa e luccicante, non si può dire lo stesso della sua vita privata, che proprio ultimamente è stata presa d'assalto dai media dopo la pubblica ammissione di bipolarismo. Anche in amore la fortuna non è stata molto clemente con Mimi: sposata nel 1993 con il suo produttore Tommy Mottola, ha divorziato dopo soli 5 anni per vivere una breve storia con il cantante Luis Miguel, che le è costato un esaurimento nervoso e il ricovero presso una clinica nel Connecticut. Il 2008 sembra portare una ventata di felicità grazie al matrimonio con il rapper e produttore afro-americano Nick Cannon da cui nascono i gemelli Moroccan e Monroe, ma nel 2014 la coppia si è separata. Nel 2016 la diva annuncia il suo fidanzamento con il multi-miliardario James Packer che le regala un anello con diamante da 35 carati, del valore di circa 7 milioni di euro, ma anche questa storia finisce presto, sembra a causa delle spese sfrenate di lei, tra cui ricevute mensili per l'acquisto di fiori esotici per 100.000 $ o trattamenti SPA per i suoi amati cani per la cifra di 45.000 $. Tra le altre spese folli rientrerebbe anche uno yacht di super lusso con un costo di manutenzione pari a 340.000 $. Messa in archivio la love story miliardaria, la popstar non ha perso tempo e si è concessa una vacanza esclusiva in Messico in una residenza super lussuosa sull'oceano del valore di 23 milioni di dollari, a "soli" 10mila dollari per notte, con il suo nuovo fidanzato, il coreografo e ballerino trentatreenne Bryan Tanaka. La casa aveva due suite, sei camere da letto, dieci bagni, una piscina, un teatro personale e uno staff dedicato con chef, maggiordomo, addetti alle pulizie e autisti.

La sua battaglia contro il bipolarismo

Da ben 17 anni Mariah Carey soffre di disturbo bipolare, che l'ha fatta crollare pesantemente nel 2001, mentre stava promuovendo il suo film Glitter, costringendola ad un ricovero in ospedale. Questa malattia la costringeva ad isolarsi e a passare notti insonni, vivendo anche sul lavoro momenti di irritabilità alternati ad attimi di euforia e a momenti di profonda depressione. Oggi la cantautrice ha ammesso pubblicamente la sua condizione e si sta curando, grazie anche al supporto di un team di persone molto positive, iniziando un nuovo capitolo della sua vita. Ha ricominciato a pensare alla sua musica e alle canzoni, ritrovando un equilibrio psico-fisico, con l'aiuto di trattamenti medici che sembrerebbero funzionare. Pochi giorni prima della sua dichiarazione di soffrire di questo disturbo, era uscito uno spot molto divertente in cui Mariah Carey giocava con la sua immagine di popstar super ricca finita per sbaglio a dormire in un ostello, un modo ironico per svelare ai suoi fan il risvolto più oscuro della sua vita.

La folta schiera di ammiratori che la venerano dall'inizio della sua carriera non smettono comunque di amarla e di seguirla durante i suoi tour mondiali, nonostante qualche suo alto e basso. Una cosa però è certa: se la sua voce è una tra le più belle della musica pop a partire dagli anni '90, non si può dire la stessa cosa del suo stile e guardaroba che spesso sono apparsi davvero disastrosi!



E' online da alcuni mesi, Sinnai News, il portale dedicato alle notizie ed eventi di Sinnai, Settimo e Maracalagonis.

Sorto dalle ceneri della omonima sezione presente da anni sul sito di Radio Fusion, Sinnai News nasce per racchiudere in un unico sito web solo l'informazione locale della zona differenziandosi dal resto degli argomenti presenti dall'interno del sito dell'emittente.

Sinnai News raggiungibile dai link sinnainews.it e http://www.sinnainotizie.it contiene all'interno notizie di attualità, cronaca, politica ma anche eventi e la sezione "cultura" dove sono riportati articoli su le meraviglie culturali della zona ma anche reperti e curiosità della storia Sinnaese.

Il Sito è gestito dall'associazione culturale Radio Fusion ed è possibile collaborare scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Load More

Ultime Trasmesse

Offerte di Lavoro in Sardegna

Offerte di Lavoro in Sardegna




Facebook


Casino.com Italy


Luck.info

Ascoltaci con le nostre APP

Hai uno smartphone con Sistema Android o Apple e vuoi ascoltaci? Scarica Subito le nostre app da Google Play. E' Gratis!